Covid, nutrizione fondamentale per un buon recupero

Molto comuni la perdita di peso e i problemi alimentari in chi è colpito

Una ricerca a livello europeo mostra un'alta prevalenza di perdita di peso e di problemi alimentari come i problemi di deglutizione nelle persone che si stanno riprendendo dal COVID-19.
La maggior parte dei pazienti intervistati ha difficoltà a recuperare la forza e fatica con le attività quotidiane come salire le scale, fare la spesa e preparare i pasti.
Nonostante i benefici comprovati della nutrizione medica per il recupero del paziente, l'indagine evidenzia che solo la metà dei pazienti ha ricevuto la nutrizione medica in ospedale, scendendo a solo il 15% che riceve cure nutrizionali con la nutrizione medica dopo aver lasciato l'ospedale.
La ricerca, condotta da IPSOS su 453 pazienti adulti ricoverati con COVID-19 nel Regno Unito, Spagna, Italia, Francia e Germania, è stata commissionata da Nutricia, parte di Danone, azienda leader mondiale nel settore alimentare, delle bevande e della nutrizione medica. I risultati rivelano la necessità di integrare meglio la nutrizione nelle cure mediche per migliorare il recupero dei pazienti con COVID-19 in ospedale e dopo la dimissione.
Il dottor Emanuele Cereda, medico della Fondazione di ricerca IRCCS Policlinico San Matteo in Italia, ha condotto un'ampia ricerca sulla nutrizione e il COVID-19 dall'inizio della pandemia. Condivide il suo punto di vista sui risultati dell'indagine: "La gestione ottimale della nutrizione è fondamentale per sostenere il decorso della malattia e il recupero e può aiutare i pazienti a tornare a fare le cose che più contano per loro. L’esperienza del COVID-19 ci ha insegnato tanto, in particolare l'associazione tra ridotto apporto energetico e performance negative. La raccolta di informazioni dai pazienti integra la ricerca clinica e contribuisce a migliorare l'assistenza nutrizionale per i pazienti che si riprendono da una malattia grave".
Due pazienti intervistati su tre hanno sperimentato una perdita di peso clinicamente significativa che è stata associata a una permanenza più lunga in ospedale. Questo è coerente con la ricerca clinica condotta dall'inizio della pandemia, che mostra un'alta prevalenza di malnutrizione nei pazienti ammessi in ospedale con COVID-19. Inoltre, i pazienti hanno riportato sintomi come la perdita e il cambiamento dell'olfatto e del gusto, diarrea o difficoltà di deglutizione, che possono contribuire a peggiorare ulteriormente i problemi nutrizionali.
La perdita muscolare è una questione chiave correlata e una complicazione comune della malattia critica, associata a disabilità funzionale e recupero più lungo. Come conseguenza della perdita muscolare, i pazienti sono più deboli, recuperano più lentamente e sperimentano più difficoltà nei compiti quotidiani. Questo è stato confermato dai partecipanti al sondaggio: l'85% sentiva di aver perso forza muscolare e il 42% si sentiva molto più debole di prima della malattia. La grande maggioranza dei pazienti intervistati ha riferito maggiori difficoltà con le attività della vita quotidiana, tra cui salire le scale (l'85% ha detto che la loro capacità di completare questo è stata influenzata), fare la spesa e alzarsi dal letto (76% ciascuno) e preparare i pasti (67%).
Per i pazienti, riacquistare la forza che hanno perso è un obiettivo chiave e infatti il 51% cita questo aspetto come la principale aspettativa derivante dal supporto nutrizionale, richiesto dal 45% delle persone che desiderano riacquistare la capacità di svolgere le attività quotidiane abituali. Affrontare la malnutrizione, la perdita di peso e il deperimento muscolare con il supporto nutrizionale contribuisce ai risultati di salute delle persone dopo gravi malattie e le aiuta a recuperare meglio, che è anche il motivo per cui ESPEN ha emesso raccomandazioni per includere il supporto nutrizionale come parte integrante della gestione dei pazienti COVID-19.
La dottoressa Cristina Cuerda, medico dell'Ospedale Universitario Generale Gregorio Maranon in Spagna e segretario generale dell'ESPEN, sta conducendo uno studio clinico su larga scala sulla nutrizione e il COVID-19 in 16 ospedali di Madrid. L’esperta commenta: "La ricerca clinica condotta fino ad oggi evidenzia che, nonostante l'alto rischio di malnutrizione e perdita muscolare nei pazienti ricoverati in unità di terapia intensiva con COVID-19, l'uso della terapia nutrizionale medica rimane inadeguato dopo la dimissione. Questo aspetto della cura del paziente ha bisogno di maggiore attenzione per migliorare il recupero delle persone che lasciano l'ospedale con significative menomazioni fisiche".
I risultati dell'indagine ribadiscono il beneficio di un'assistenza adeguata dopo la dimissione: il 56% dei pazienti che hanno ricevuto un supporto nutrizionale dopo aver lasciato l'ospedale ha ritenuto che ciò abbia aiutato molto o enormemente il loro recupero. Solo la metà dei pazienti intervistati, nell'ambito della ricerca presentata a ESPEN, ha ricevuto una terapia nutrizionale medica in ospedale durante il trattamento. Alla dimissione dall'ospedale, questo numero è sceso al 15% dei pazienti, evidenziando le lacune nella continuità delle cure dopo aver lasciato l'ospedale.
Commentando i risultati della ricerca sui pazienti, il dottor Patrick Kamphuis, Senior Medical Affairs Director di Nutricia ha osservato: "In questa ricerca stiamo ascoltando direttamente dai pazienti stessi la loro esperienza e le loro aspettative riguardo alla nutrizione durante la loro malattia COVID-19. Le loro voci confermano ciò che gli esperti nutrizionisti consigliano dall'inizio dello scorso anno: la nutrizione è un'area di cura sottoutilizzata per questa malattia".
I risultati sono stati presentati in occasione del Congresso ESPEN 2021 tra le altre iniziative di ricerca guidate dai ricercatori e sostenute da Nutricia nell'ambito del Progetto NutriCOVer. Si tratta di un'iniziativa di Nutricia volta a sostenere la ricerca indipendente e a contribuire alle prove del mondo reale e alle linee guida cliniche per la gestione nutrizionale dei pazienti che si riprendono da una grave infezione da COVID-19.

26/11/2021 16:40:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Covid-19 toglie anche il sonno

  • Per contrastare i disturbi del sonno necessaria l’attività fisica
    (Continua)




Omicron, Sputnik sembra efficace sulla variante

  • Secondo i dati ha una capacità neutralizzante superiore a Pfizer
    (Continua)




Vaccini, la maggior parte degli effetti avversi non esiste

  • Sono indotti dalla suggestione dovuta all’effetto nocebo
    (Continua)




Covid, il primo anticorpo che previene la malattia

  • Sta per essere approvato un nuovo farmaco per gli adulti fragili
    (Continua)




Covid, genetica la causa della perdita di gusto e olfatto

  • Anosmia e ageusia potrebbero essere correlate a precise caratteristiche geniche
    (Continua)




1200 morti in meno con la vaccinazione obbligatoria

  • Il calcolo riguarda solo l’ultimo mese. Si sarebbero evitati anche 8000 ricoveri
    (Continua)




La variante genetica che protegge da Covid-19

  • I portatori di una mutazione specifica rischiano molto di meno
    (Continua)




Le staminali contro il coronavirus





Covid, i tamponi fai da te sono affidabili?





Covid, rischio di contagio trascurabile con le Ffp2

  • È difficile però stabilire una distanza di sicurezza univoca
    (Continua)




Il test della voce rivela Covid-19





Covid, Omicron meno rischiosa di Delta

  • Studio sostiene la minore pericolosità della nuova variante
    (Continua)




Covid, Omicron viene dai topi?





Covid, per i vaccinati è come l’influenza

  • Il rischio di forme gravi viene abbattuto dall’immunizzazione
    (Continua)




Quanto dura il coronavirus espulso da un colpo di tosse

  • Entro 5 minuti perde il 90 per cento della sua infettività
    (Continua)




Covid, forse Deltacron non esiste

  • Probabile un errore nel sequenziamento realizzato in laboratorio
    (Continua)




Covid, vaccini anche ai bambini colpiti da cancro

  • Fondamentale per prevenire il rischio di contrarre forme severe della malattia
    (Continua)




Covid, le misure per la scuola

  • Le raccomandazioni della Società italiana di igiene
    (Continua)




Guillain-Barré più probabile nei non vaccinati

  • Il rischio è 5 volte superiore rispetto a chi è vaccinato
    (Continua)