La mascherina dimezza l’incidenza di Covid-19

Utile anche il distanziamento, dubbi sul lockdown

È bene continuare a indossare la mascherina per ridurre i rischi di contagio da Sars-CoV-2. A sostenerlo è una revisione di 72 studi pubblicata sul British Medical Journal da un team della Monash University coordinato da Stella Talic.
Secondo gli autori, mascherine e distanziamento – oltre alla campagna vaccinale – vanno mantenuti, mentre avanzano dubbi sulla reale utilità di misure estreme come il lockdown o la chiusura delle scuole.
Sono stati analizzati 35 studi che hanno indagato su singole misure di salute pubblica e 37 che hanno riguardato misure combinate.
I risultati di 8 di queste 35 ricerche sono stati analizzati nel dettaglio, indicando "una riduzione statisticamente significativa del 53% dell'incidenza di Covid-19 con l'uso della mascherina e una riduzione del 25% con il distanziamento fisico”. È apparsa efficace anche l'igiene delle mani con "una sostanziale riduzione del 53% dell'incidenza di Covid, sebbene il dato non risultasse statisticamente significativo una volta corretto tenendo conto del numero di lavori esaminati. Non è stata invece possibile un'analisi dettagliata per altre misure, quali quarantena e isolamento, lockdown generalizzati e chiusura di frontiere, scuole e luoghi di lavoro - riportano gli scienziati - a causa delle differenze nella progettazione degli studi, nella misurazione dei risultati e nella qualità".
I ricercatori concludono quindi che "misure personali e sociali tra cui il lavaggio delle mani, l'uso della mascherina e il distanziamento fisico sono efficaci nel ridurre l'incidenza di Covid-19. Le restrizioni più pesanti, invece, devono essere valutate attentamente soppesando i potenziali effetti negativi sulla popolazione generale".

19/11/2021 17:00:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Covid-19 toglie anche il sonno

  • Per contrastare i disturbi del sonno necessaria l’attività fisica
    (Continua)




Omicron, Sputnik sembra efficace sulla variante

  • Secondo i dati ha una capacità neutralizzante superiore a Pfizer
    (Continua)




Vaccini, la maggior parte degli effetti avversi non esiste

  • Sono indotti dalla suggestione dovuta all’effetto nocebo
    (Continua)




Covid, il primo anticorpo che previene la malattia

  • Sta per essere approvato un nuovo farmaco per gli adulti fragili
    (Continua)




Covid, genetica la causa della perdita di gusto e olfatto

  • Anosmia e ageusia potrebbero essere correlate a precise caratteristiche geniche
    (Continua)




1200 morti in meno con la vaccinazione obbligatoria

  • Il calcolo riguarda solo l’ultimo mese. Si sarebbero evitati anche 8000 ricoveri
    (Continua)




La variante genetica che protegge da Covid-19

  • I portatori di una mutazione specifica rischiano molto di meno
    (Continua)




Le staminali contro il coronavirus





Covid, i tamponi fai da te sono affidabili?





Covid, rischio di contagio trascurabile con le Ffp2

  • È difficile però stabilire una distanza di sicurezza univoca
    (Continua)




Il test della voce rivela Covid-19





Covid, Omicron meno rischiosa di Delta

  • Studio sostiene la minore pericolosità della nuova variante
    (Continua)




Covid, Omicron viene dai topi?





Covid, per i vaccinati è come l’influenza

  • Il rischio di forme gravi viene abbattuto dall’immunizzazione
    (Continua)




Quanto dura il coronavirus espulso da un colpo di tosse

  • Entro 5 minuti perde il 90 per cento della sua infettività
    (Continua)




Covid, forse Deltacron non esiste

  • Probabile un errore nel sequenziamento realizzato in laboratorio
    (Continua)




Covid, vaccini anche ai bambini colpiti da cancro

  • Fondamentale per prevenire il rischio di contrarre forme severe della malattia
    (Continua)




Covid, le misure per la scuola

  • Le raccomandazioni della Società italiana di igiene
    (Continua)




Guillain-Barré più probabile nei non vaccinati

  • Il rischio è 5 volte superiore rispetto a chi è vaccinato
    (Continua)