Lesioni croniche: come trattarle e fare prevenzione

Cause e gestione delle lesioni croniche

Sono sempre più numerosi i pazienti che manifestano una o più lesioni croniche. Queste lesioni possono essere causate da diverse problematiche, spesso correlate all'età del soggetto, al fatto di soffrire di alcune specifiche patologie o all'immobilità.

Le cause delle lesioni croniche
Sono soprattutto i soggetti anziani a soffrire di lesioni croniche, che in molti casi sono indicate come piaghe da decubito. Questo tipo di lesione cronica è detta anche lesione da pressione: il peso del corpo immobilizzato impedisce il corretto scorrere dei fluidi, comprimendo i vasi sanguigni e linfatici. Ci sono poi cause di altro genere, come la presenza di specifiche patologie: il diabete in primis, ma anche le problematiche correlate a una scarsa circolazione.
Chi si occupa di soggetti che soffrono di queste problematiche sa che la prevenzione è decisamente importante. Fortunatamente esistono tipologie di medicazione appositamente formulate e progettate per la cura e la prevenzione delle lesioni croniche.

Mepilex Border Flex, le medicazioni adatte alle ulcere croniche

Per la gestione di lesioni croniche, anche in fase di pre-cronicizzazione, l'azienda Mölnlycke offre una soluzione efficace. Mepilex® Border Flex è una medicazione in poliuretano: si tratta di medicazioni flessibili di nuova generazione, che rimangono saldamente aderenti alla pelle adattandosi ai movimenti del paziente e consentendo anche di sottoporre la pelle a lavaggio.
La presenza di un apposito strato in silicone morbido Safetac®, permette di ridurre il rischio di macerazione e offre al soggetto meno dolore e meno danni durante il cambio della medicazione.

Gestire una lesione cronica
Le lesioni croniche sono spesso correlate ad alcuni sintomi specifici. La pelle si assottiglia, divenendo fragile e maggiormente soggetta a ulteriori lesioni. Inoltre, in vari casi vi è forte presenza di essudato: un fluido che caratterizza le lesioni con presenza di infiammazione. La presenza di essudato non solo favorisce il proliferare dei batteri ma può causare anche la macerazione dei tessuti: la lesione si approfondisce progressivamente.
Le medicazioni Mepilex® Border Flex sono composte da strati che assorbono, incanalano e trattengono l'essudato, mantenendolo lontano dal letto della ferita e isolando la lesione da batteri esogeni grazie allo strato di ritenzione super assorbente con tecnologia Flex. Con queste medicazioni è possibile gestire sia essudato normale che quello viscoso e rimangono aderite alla pelle, adattandosi ad ogni zona e consentendo il movimento: insieme alla loro capacità di resistenza all'acqua, favoriscono la riduzione dei danni alla cute e dei cambi del 78%.
Questo tipo di medicazioni può essere utilizzato nelle ulcere da decubito, nelle ulcere del piede e della gamba, nelle ferite traumatiche e nelle ferite chirurgiche. Oltre a garantire la massima protezione nel caso di ferite essudanti croniche, evita che le lesioni tendano a cronicizzare con il passare del tempo.

Gli effetti positivi sul budget di Mepilex® Border Flex

Grazie all'utilizzo di questo tipo di medicazioni è possibile migliorare la qualità della vita dei pazienti, ma anche ridurre i costi: è stato osservato che l'utilizzo delle medicazioni Mepilex® Border Flex ha portato nell'arco di un anno un risparmio del 74,2% nei costi ospedalieri. Da un lato perché favoriscono una più rapida soluzione delle ferite e delle ulcere non ancora croniche. Dall'altro lato perché permettono di ridurre le necessità di sostituzione delle medicazioni, limitando così il tempo di lavoro degli infermieri per tale operazione.

Bibliografia
White, R. A multinational survey of the assessment of pain when removing dressings. Wounds UK 2008;4:14-22. Available from: http://www.wounds-uk.com/journal-articles/a-multinational-survey-of-the-assessment-of-pain-when-removing-dressings-1 [Accessed 4 February 2019]. Mepilex Border (and other dressings with Safetac) vs. dressings with traditional adhesives (adhesive foams, hydrocolloids etc.)
Woo K, Coutts P.M., Price P, Harding K, Sibbald R.G. A randomised crossover investigation of pain at dressing change comparing 2 foam dressings Advances in Skin and Wound Care 2009;22(7):304-310.
Meaume S, et al. A study to compare a new self-adherent soft silicone dressing with a self-adherent polymer dressing in stage II pressure ulcers. Ostomy Wound Manage. 2003;49(9):44-51.

29/11/2021 11:10:00


Notizie correlate