Covid, vaccini anche ai bambini colpiti da cancro

Fondamentale per prevenire il rischio di contrarre forme severe della malattia

Somministrare il vaccino anti-SARS-CoV-2 ai bambini affetti da tumore non solo si può, ma anzi si deve per proteggerli dal rischio di contrarre forme severe della malattia COVID-19. È quanto si evince dal documento di Consensus elaborato dal Gruppo di Lavoro Infezioni e Terapie di Supporto dell’AIEOP (Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica), coordinato dal Dott. Simone Cesaro, all’indomani dell’estensione della vaccinazione prima all’età adolescenziale (12-17 anni) e successivamente all’età della seconda e terza infanzia (5-11 anni).
Il documento evidenzia come la comunità dei pediatri oncoematologi italiani riconosce che i pazienti affetti da patologie oncologiche, da immunodeficienze primitive o secondarie e da citopenie di origine autoimmune o da insufficienza midollare rappresentano un’ampia categoria di bambini fragili in cui la vaccinazione ha un ruolo importante per prevenire l’infezione da SARS-CoV-2 e la malattia che da essa deriva, permettere lo svolgimento regolare delle cure chemioterapiche o immunosoppressive e dei controlli o dei ricoveri ospedalieri e impedire ritardi di trattamento. A tale conclusione si è giunti al termine di una riunione plenaria in cui una serie di enunciati sono stati discussi e sottoposti alla votazione dei rappresentanti dei centri AIEOP.
Se è vero che l’incidenza di COVID-19 nei centri di onco-ematologia pediatrica italiani è stata finora limitata – il decorso osservato è stato per lo più favorevole, con solo il 3% di casi che hanno necessitato di ricovero in terapia intensiva e nessun decesso attribuito alla malattia nel corso delle varie ondate pandemiche -, i dati mondiali mostrano tuttavia che COVID-19 può avere un decorso grave nei pazienti affetti da patologia oncoematologica. Essi, in particolare, possono rappresentare una popolazione a maggior rischio di morbidità e mortalità per la maggiore suscettibilità dei pazienti immunodepressi alle infezioni respiratorie, la compromissione dell’immunità innata durante i trattamenti oncologici di chemioterapia e radioterapia, l’immunosoppressione necessaria per le procedure trapiantologiche e la necessità di accesso frequente alle strutture ospedaliere per visite e cure. Alla luce del rischio individuale e dell’emergenza di varianti del virus – vedi Omicron - a elevata contagiosità, i pazienti pediatrici oncoematologici hanno dunque indicazione prioritaria alla vaccinazione contro SARS-CoV-2.
“La condizione di immunodepresso – ribadisce il Dott. Arcangelo Prete, Presidente di AIEOP – non rappresenta una controindicazione bensì una motivazione ulteriore alla vaccinazione perché la stessa è diretta a proteggere il paziente fragile. Il rischio di effetti collaterali o reazioni avverse, quali la miocardite e la pericardite, è infatti estremamente contenuto e comunque inferiore rispetto al medesimo rischio collegato all’evoluzione della malattia provocata dal virus”.
Nel documento di Consensus AIEOP precisa altresì che la scelta del momento in cui eseguire la vaccinazione per un paziente oncoematologico in trattamento va personalizzata sulla base dell’intensità di cura del momento e del tipo di trattamento in atto. “In linea di massima – spiega il Dott. Prete – il tempo della vaccinazione per i pazienti in trattamento o che abbiano appena fatto il trapianto deve essere concordato di volta in volta con il medico curante”.
Infine, per tutelare il più possibile i piccoli pazienti oncologici, AIEOP puntualizza che sono raccomandati la vaccinazione dei genitori e dei familiari stretti e il mantenimento delle misure di protezione individuale e sociale come l’uso della mascherina, l’igiene delle mani e il distanziamento fisico o sociale, che rimangono i cardini di prevenzione dell’infezione SARS-CoV-2. In questo ambito la vaccinazione annuale per l’influenza per il paziente e i familiari rimane una misura di prevenzione raccomandata.
Nel periodo 15 aprile 2020-1 febbraio 2021 sono stati registrati 1520 pazienti pediatrici oncoematologici con SARS-CoV-2/COVID-19 nel Registro Global COVID-19, di cui 1319 (87%) con un follow-up minimo di 30 giorni. Il 30,5% dei pazienti era asintomatico mentre il 67,4% è stato ospedalizzato. Il 55,8% ha modificato il trattamento oncologico in seguito all’infezione. Le forme gravi o gravissime di COVID-19 sono state il 19,9% mentre la mortalità dovuta a COVID-19 è stata del 3,8%.

10/01/2022 16:20:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Covid, i vaccini a mRna proteggono di più

  • Maggiore efficacia rispetto a quelli a vettore virale
    (Continua)




Scoperto il nascondiglio di Sars-CoV-2

  • Ricercatori italiani evidenziano l’esistenza di una nicchia replicativa
    (Continua)




Covid, un antinfiammatorio dimezza il rischio di morte

  • Efficace nei pazienti con malattia grave nell’anno successivo alla guarigione
    (Continua)




Covid, il virus si può bloccare

  • Ricercatori scoprono il meccanismo per fermare l’infezione
    (Continua)




Covid-19 asintomatico, scoperti i fattori genetici

  • Alcune mutazioni predispongono alle forme asintomatiche
    (Continua)




Covid, i vaccinati infettano di meno

  • Capacità fino a 5 volte più bassa di contagiare gli altri
    (Continua)




La complessità di Sars-CoV-2 rimanda la fine della pandemia

  • Nonostante vaccini e nuovi farmaci il virus continua a far male
    (Continua)




Covid, alcuni farmaci ne riducono il rischio

  • L’effetto dell’assunzione abituale di medicinali per altre malattie
    (Continua)




Covid, calo degli anticorpi dopo 6 mesi dal vaccino

  • Ma potrebbe non essere associato a calo dell’immunità
    (Continua)




Quanto è diffuso veramente il Long Covid

  • Un terzo delle persone trattate accusa sintomi a lungo termine
    (Continua)




Covid, il vaccino di Johnson limitato negli Stati Uniti





Covid, casi di recidive dopo Paxlovid

  • In alcuni casi i pazienti sperimentano una nuova infezione
    (Continua)




Le molecole “con il gps” inchiodano il Covid





Due vaccini contro la mononucleosi

  • Sembrano efficaci i vaccini sperimentali contro il virus di Epstein-Barr
    (Continua)




I sintomi di Omicron 4 e 5

  • Più rare tosse e febbre, più frequente il raffreddore
    (Continua)




Covid, il cervello dei ricoverati invecchia di 20 anni

  • Possibile la perdita di 10 punti di quoziente intellettivo
    (Continua)




I benefici dell’acqua iperozonizzata

  • Potenzialità medicali riconosciute dalla comunità scientifica
    (Continua)




Covid, i meccanismi alla base della Mis-C nei bambini

  • Oltre 100 proteine collegate alla gravità dell’infezione
    (Continua)




Tamponi fai da te efficaci, ma solo dopo 3 giorni

  • Bisogna aspettare qualche giorno dalla comparsa dei sintomi
    (Continua)