I segni che annunciano l'Alzheimer

Si può prevedere la malattia anche con 15 anni di anticipo

Ci sono segni premonitori che dovrebbero mettere in allarme medici e soggetti a rischio di Alzheimer. Uno studio pubblicato su The Lancet Digital Health ha svelato l'esistenza di numerosi segnali associabili all'insorgenza della malattia, fra cui stanchezza cronica, depressione, stress e frequenti cadute.
I ricercatori hanno notato spesso l'insorgenza di queste patologie nei 15 anni precedenti alla diagnosi di Alzheimer.
Gli scienziati si sono basati sui dati di due diversi database relativi a pazienti in cura da medici di famiglia in Francia e Regno Unito, ricavandone i casi totali di demenza e verificando quindi il legame fra la comparsa dell'Alzheimer e ben 123 patologie.
Al momento, non esistono trattamenti specifici per la malattia, quindi l'idea è di puntare il più possibile sulla prevenzione e sul rallentamento del processo di deterioramento cognitivo alla base della comparsa della demenza conclamata.
L'obiettivo dei ricercatori è di elaborare un punteggio di rischio per comprendere quali siano le persone maggiormente a rischio di insorgenza dell'Alzheimer negli anni successivi, e quindi porle in stato di sorveglianza, proponendo loro una serie di accorgimenti a livello alimentare o di esercizio fisico che possano ostacolare il processo degenerativo della malattia.

04/03/2022 09:43:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate