Salute mentale dei nonni a rischio senza i nipoti

L'allontanamento forzato a causa del Covid ha favorito la depressione

Nel tentativo di proteggere i più anziani dalle conseguenze di Sars-CoV-2, in molti casi i nipoti sono stati allontanati da loro. Questo ha però determinato un peggioramento sensibile della salute mentale degli anziani, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Gerontology: Social Sciences da un team dello University College of London.
I ricercatori hanno preso in esame 2.468 nonni inglesi, il 52% dei quali si prendeva cura dei nipoti prima della pandemia. Il 10% di loro ha smesso di farlo in seguito alla diffusione del virus.
È così emerso che il 34,3% dei nonni che avevano smesso di prendersi cura dei nipoti mostrava livelli più elevati di sintomi depressivi. La percentuale era invece pari al 26% per i nonni che hanno continuato a vedere i nipoti nonostante le restrizioni.
"Prendersi cura dei nipoti può fornire ai nonni gratificazione emotiva e un senso di utilità e competenza, aumentando così la soddisfazione della vita. Il coinvolgimento dei nonni in tale attività familiare può, inoltre, fornire un senso di valore e attaccamento, rafforzando le relazioni intergenerazionali e gli scambi emotivi positivi, che potrebbero giovare alla salute mentale degli anziani", spiega Giorgio Di Gessa, primo autore dello studio.

05/10/2022 17:00:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate