Covid, Omicron viene dai topi?

Ipotesi spillback per la nuova variante

La variante Omicron potrebbe provenire dai topi. È l’ipotesi formulata da scienziati dell’Accademia cinese delle scienze, secondo cui il virus Sars-CoV-2 sarebbe passato dall’uomo ai topi dove, dopo aver accumulato molte mutazioni favorevoli all’infezione di quell’ospite, è tornato all’uomo.
"I nostri risultati indicano una traiettoria evolutiva interspecie per l'epidemia di Omicron", spiegano gli scienziati illustrando il concetto di spillback.
Lo studio, pubblicato sul Journal of Genetics and Genomics, ha preso in esame 45 mutazioni acquisite da Omicron dalla divergenza rispetto al lignaggio B.1.1. Le analisi hanno rivelato che la sequenza della proteina Spike di Omicron era stata sottoposta a una selezione più forte rispetto a quella di qualsiasi altra variante Covid.
Ciò suggerisce appunto la possibilità di un nuovo salto dall’uomo agli animali e poi da questi all’uomo. Lo spettro molecolare delle mutazioni di Omicron è risultato molto diverso da quello delle varianti umane, avvicinandosi invece agli spettri associati all’evoluzione del virus dell’ambiente cellulare dei ratti.
Inoltre, le mutazioni nella proteina Spike di Omicron si sono sovrapposte in modo significativo alle mutazioni Sars-Cov-2 note per promuovere l'adattamento nei topi.

Wenfeng Qian, ricercatore capo, spiega: "La proteina Spike, per la sua capacità di legarsi alle cellule dell’organismo ospite, determina quali e quante specie animali possono essere infettate dal virus. Ora: la variante Omicron ha accumulato il maggior numero di mutazioni nella proteina Spike tra gli oltre 6 milioni di varianti del Sars-CoV-2 che sono state sequenziate e note per essersi evolute nell’uomo. Questa particolarità di Omicron, l’alto numero di mutazioni, potrebbe spiegarsi facilmente se il progenitore di Omicron fosse passato dagli umani a una specie non umana, perché questo “salto” avrebbe richiesto un notevole numero di mutazioni affinché la Spike si adattasse alla nuova specie. Le mutazioni nella proteina Spike della variante Omicron si sovrappongono in modo significativo con le mutazioni del Sars-CoV-2 che sappiamo – per studi precedenti – promuovere l’adattamento del virus ai topi. Nel nostro studio noi abbiamo identificato anche le mutazioni della proteina Spike nelle varianti del Sars-CoV-2 isolate in 17 altre specie animali – tra cui gatti, cani, cervi e visoni – oltre alle varianti trovate nei pazienti umani con infezione cronica. E in nessuno di questi casi abbiamo trovato lo stesso livello di significatività statistica che abbiamo trovato per le mutazioni caratteristiche del virus quando infetta i topi".

12/01/2022 17:00:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Covid, i vaccini a mRna proteggono di più

  • Maggiore efficacia rispetto a quelli a vettore virale
    (Continua)




Scoperto il nascondiglio di Sars-CoV-2

  • Ricercatori italiani evidenziano l’esistenza di una nicchia replicativa
    (Continua)




Covid, un antinfiammatorio dimezza il rischio di morte

  • Efficace nei pazienti con malattia grave nell’anno successivo alla guarigione
    (Continua)




Covid, il virus si può bloccare

  • Ricercatori scoprono il meccanismo per fermare l’infezione
    (Continua)




Covid-19 asintomatico, scoperti i fattori genetici

  • Alcune mutazioni predispongono alle forme asintomatiche
    (Continua)




Covid, i vaccinati infettano di meno

  • Capacità fino a 5 volte più bassa di contagiare gli altri
    (Continua)




La complessità di Sars-CoV-2 rimanda la fine della pandemia

  • Nonostante vaccini e nuovi farmaci il virus continua a far male
    (Continua)




Covid, alcuni farmaci ne riducono il rischio

  • L’effetto dell’assunzione abituale di medicinali per altre malattie
    (Continua)




Covid, calo degli anticorpi dopo 6 mesi dal vaccino

  • Ma potrebbe non essere associato a calo dell’immunità
    (Continua)




Quanto è diffuso veramente il Long Covid

  • Un terzo delle persone trattate accusa sintomi a lungo termine
    (Continua)




Covid, il vaccino di Johnson limitato negli Stati Uniti





Covid, casi di recidive dopo Paxlovid

  • In alcuni casi i pazienti sperimentano una nuova infezione
    (Continua)




Le molecole “con il gps” inchiodano il Covid





Due vaccini contro la mononucleosi

  • Sembrano efficaci i vaccini sperimentali contro il virus di Epstein-Barr
    (Continua)




I sintomi di Omicron 4 e 5

  • Più rare tosse e febbre, più frequente il raffreddore
    (Continua)




Covid, il cervello dei ricoverati invecchia di 20 anni

  • Possibile la perdita di 10 punti di quoziente intellettivo
    (Continua)




I benefici dell’acqua iperozonizzata

  • Potenzialità medicali riconosciute dalla comunità scientifica
    (Continua)




Covid, i meccanismi alla base della Mis-C nei bambini

  • Oltre 100 proteine collegate alla gravità dell’infezione
    (Continua)




Tamponi fai da te efficaci, ma solo dopo 3 giorni

  • Bisogna aspettare qualche giorno dalla comparsa dei sintomi
    (Continua)