Terapia endovascolare per ictus di grandi dimensioni

Esiti funzionali migliori ma più emorragie intracraniche

Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha analizzato gli effetti della terapia endovascolare sugli ictus ischemici acuti di grandi dimensioni.
Lo studio, realizzato in Giappone, ha coinvolto pazienti con occlusione di grandi vasi cerebrali e ictus considerevoli all'imaging, come indicato da un valore di Alberta Stroke Program Early Computed Tomographic Score (ASPECTS) da 3 a 5 (su una scala da 0 a 10, con valori più bassi che indicano un infarto maggiore).
I ricercatori hanno assegnato i pazienti a ricevere in maniera casuale la terapia endovascolare con cure mediche o solo cure mediche entro 6 ore dall'evento o entro 24 ore se non vi era alcun cambiamento precoce nelle immagini di recupero dell'inversione attenuata dal fluido. In entrambi i gruppi è stato utilizzato Alteplase.
L'esito primario era un punteggio della scala Rankin modificato da 0 a 3 (su una scala da 0 a 6, con punteggi più alti che indicavano una maggiore disabilità) a 90 giorni.
La randomizzazione ha coinvolto 203 pazienti, 101 assegnati al gruppo di terapia endovascolare e 102 al gruppo di cure mediche. La percentuale di pazienti con un punteggio della scala di Rankin modificato da 0 a 3 a 90 giorni era del 31,0% nel gruppo della terapia endovascolare e del 12,7% nel gruppo dell'assistenza medica (rischio relativo, 2,43; intervallo di confidenza al 95% [CI], 1,35 a 4,37; P=0,002).
Un miglioramento di almeno 8 punti del punteggio NIHSS a 48 ore è stato osservato nel 31,0% dei pazienti nel gruppo della terapia endovascolare e nell'8,8% di quelli nel gruppo dell'assistenza medica (rischio relativo, 3,51; IC 95%, 1,76 alle 7.00), ed eventuali emorragie intracraniche si sono verificate nel 58,0% e nel 31,4%.
In sostanza, i pazienti con ictus ischemici di grandi dimensioni hanno beneficiato di esiti funzionali migliori con la terapia endovascolare, a dispetto però di un maggior numero di emorragie intracraniche.

16/02/2022 10:15:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate