Cellulite, un aiuto dalle calze a compressione

Studio dimostra il miglioramento della circolazione

La cellulite, come noto, non ├Ę solo un problema estetico, ma una condizione specifica che andrebbe affrontata non solo d'estate.
La pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica colpisce 8 donne su 10 e tende a comparire anche prima dei 20 anni localizzandosi soprattutto all'esterno delle cosce, sui fianchi e sui glutei.
A causarla ├Ę l'azione degli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili, che favoriscono la ritenzione dei liquidi e innescano un aumento di volume e poi la rottura delle cellule del pannicolo adiposo, le quali diffondono il loro contenuto di trigliceridi fra le cellule vicine, provocando malfunzionamenti nel microcircolo e rigonfiamenti del tessuto adiposo.
Tanti sono i miracolosi rimedi promessi, che spaziano dall'alimentazione all'utilizzo del laser. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine suggerisce invece l'uso di calze a compressione graduata. I ricercatori hanno preso in esame un disturbo particolare, la linfangite, un'infiammazione acuta che interessa i vasi linfatici, pi├╣ frequente in chi ├Ę sovrappeso o ha la cellulite.
84 volontarie con edema cronico della gamba e cellulite sono state divise in due gruppi: il primo ├Ę stato trattato con una terapia compressiva delle gambe, mentre l'altro ha ricevuto soltanto un opuscolo informativo per uno stile di vita pi├╣ corretto.
Le visite di controllo hanno evidenziato che solo il 15% delle pazienti trattate con la terapia compressiva aveva avuto un episodio di linfangite ricorrente, contro il 40% del gruppo di controllo. Ma le calze a compressione graduata aiutano anche a ridurre la cellulite, stimolando una migliore circolazione sanguigna e quindi uno svuotamento costante dei vasi sanguigni, che aiuta l'organismo a evitare la degenerazione del tessuto adiposo.
Lo stile di vita sedentario al quale molti di noi sono costretti di certo non aiuta. Per questo, sarebbe bene indossare una calza a compressione, che assicura un continuo micromassaggio delle zone interessate utile a scongiurare il ristagno dei liquidi e le sue pericolose conseguenze.

30/09/2020 15:40:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate