Le conseguenze a lungo termine di Covid-19

A quattro mesi dalle dimissioni molti mostrano ancora problemi

Varie_12784C.jpg
Keywords | coronavirus, Covid, sintomi,

Molti pazienti colpiti da Covid non riescono a uscire completamente dall’incubo. Uno studio italiano pubblicato su Jama Network Open rivela infatti che a 4 mesi dalle dimissioni ospedaliere molti soggetti accusano ancora problemi respiratori, fisici e psicologici.
«Sebbene esistano molti dati sulle manifestazioni cliniche, il decorso, il tasso di mortalità dei casi e i fattori di rischio associati alla mortalità in Covid-19, le sequele respiratorie e funzionali a lungo termine nei sopravvissuti sono sconosciute», spiega Mattia Bellan, dell'Università del Piemonte Orientale e dell'Azienda ospedaliero-universitaria Maggiore della Carità di Novara, primo autore del lavoro.
Gli scienziati italiani hanno valutato le conseguenze a lungo termine della malattia in 238 pazienti, testando la prevalenza di anomalie della funzione polmonare, la compromissione della funzione fisica e gli effetti psicologici passati 4 mesi dalla fine del ricovero.
L’età media dei soggetti era di 61 anni con un numero medio di comorbilità pari a 2. Del gruppo, 219 pazienti hanno completato sia i test di funzionalità polmonare sia la misurazione della capacità di diffusione del monossido di carbonio (Dlco).
In 113 pazienti, la Dlco è risultata ridotta a meno dell’80% del valore stimato, in altri 34 pazienti a meno del 60%.
Il punteggio Short Physical Performance Battery (SPPB) è stato utilizzato per valutare il grado di mobilità dei pazienti, risultata limitata nel 22,3% dei casi (53 pazienti).
I pazienti con punteggi Sppb all'interno dell'intervallo di riferimento sono stati sottoposti a un test del cammino di due minuti, e il risultato di tale esame è stato al di fuori degli intervalli di riferimento delle prestazioni attese per età e sesso in ben 75 pazienti (40,5%). Ne consegue che 128 pazienti (53,8%) hanno riportato un danno funzionale legato alla malattia, mentre 41 pazienti (17,2%) hanno riferito di sintomi di stress post-traumatico.

Fonte: Jama Network Open
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
23/02/2021



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  73792
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Dagli States arriva il Woga  64854
Yoga in acqua per rilassarsi

L'odore del cancro alla vescica  60299
Dispositivo riesce a segnalare la presenza della neoplasia

Ogni malattia ha il suo odore  59070
Alito, sudore e urine indicano la presenza o meno di patologie

Melanoma, i nei su mani e piedi non sono così preoccupanti  58838
Non necessari monitoraggi intensivi e asportazioni chirurgiche

Anche il sole di primavera può far male  58784
L'insidia dei raggi solari primaverili per la pelle

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.