Linfoma follicolare, approvato mosunetuzumab

Per i pazienti che hanno ricevuto almeno due precedenti terapie

I pazienti affetti da linfoma follicolare recidivato o refrattario potranno ora curarsi con mosunetuzumab. Il farmaco sviluppato da Roche ├Ę stato approvato per il trattamento di quei pazienti che hanno ricevuto almeno altre 2 precedenti terapie sistemiche.
Il linfoma follicolare ├Ę la seconda forma di linfoma pi├╣ comune a livello globale, rappresentando il 20% di tutti i linfomi non Hodgkin diagnosticati nel mondo. Ogni anno, a pi├╣ di 28mila persone in Europa viene diagnosticata il linfoma follicolare. La maggior parte delle persone con FL recidiva entro cinque anni dal trattamento iniziale e per coloro che hanno ricevuto due o pi├╣ terapie precedenti, le opzioni di trattamento convenzionale sono attualmente limitate e sono associati a bassi tassi di remissioni complete e durature.
Mosunetuzumab - nome commerciale Lunsumio - ├Ę un anticorpo monoclonale bispecifico in grado di riconoscere e legare sia l'antigene CD20 sia l'antigene CD3 presente sulle cellule T. In questo modo, queste ultime riescono a colpire e a eliminare le cellule B maligne dei linfomi non-Hodgkin a cellule B recidivati o refrattari.
I dati a supporto dell'approvazione provengono dallo studio di fase I/II GO29781, nel quale mosunetuzumab ha mostrato alti tassi di risposta completa.
Dopo un follow-up mediano di 18,3 mesi, il tasso di CR ├Ę stato del 60%, il tasso di risposta obiettiva ├Ę stato dell'80% e la sopravvivenza mediana libera da progressione ├Ę stata di 17,9 mesi. La durata mediana della risposta tra coloro che hanno risposto ├Ę stata di 22,8 mesi. L'evento avverso pi├╣ comune ├Ę stata la sindrome da rilascio di citochine che era generalmente di basso grado e si ├Ę risolta alla fine del trattamento.

23/06/2022 14:50:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate