Microparticelle di plastica nel sangue

Ancora poco chiari i possibili effetti sulla salute umana

Un team di ricercatori dell'Universit├á di Amsterdam ha trovato tracce di microparticelle di plastica in una serie di campioni di sangue. Lo studio diretto dalla tossicologa Heather Leslie e dalla chimica Marja Lamoree ├Ę stato pubblicato sulla rivista Environment International.
I ricercatori olandesi hanno analizzato campioni di sangue di 22 donatori anonimi in buona salute. I medici hanno scovato tracce di PET, cio├Ę polietilene tereftalato, il materiale utilizzato nella fabbricazione delle bottiglie di plastica per l'acqua, di contenitori alimentari e delle fibre di poliestere per i capi d'abbigliamento.
Secondo gli studiosi, ci├▓ dimostra che le microparticelle vengono assorbite attraverso la respirazione, il consumo di acqua e cibo e l'uso di alcuni prodotti per l'igiene del corpo.
ÔÇťQuesto tipo di dato ├Ę il primo del genere e deve essere approfondito per capire fino a quale punto l'inquinamento da plastica ├Ę diffuso nel corpo umano e quanto possa essere dannoso. Grazie a queste prime informazioni potremo determinare se l'esposizione a particelle di plastica rappresenta davvero una minaccia per la salute pubblicaÔÇŁ, hanno dichiarato le ricercatrici.
Finora i ricercatori avevano riscontrato tracce di prodotti chimici a base di plastica nelle feci umane, ├Ę la prima volta che la scoperta riguarda campioni di sangue.

30/03/2022 17:00:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate