Meno allergie nei bambini con madri vaccinate

Il vaccino antinfluenzale materno sembra correlato a un rischio inferiore

I figli di donne vaccinate contro l'influenza sembrano rischiare meno degli altri l'insorgenza di allergie nel corso della vita. Lo segnala un nuovo studio pubblicato su Plos Medicine da ricercatori della University of Western Australia di Perth.
Stando ai dati, l'esposizione alla vaccinazione materna in utero ha l'effetto di attivare il sistema immunitario del feto e ridurre il rischio di asma e altre allergie.
«Ma secondo una recente revisione sistematica sono pochi i dati sulla salute pediatrica oltre i primi 6 mesi di vita dei neonati da madri vaccinate o meno», spiegano i ricercatori, che hanno così voluto coinvolgere un totale di 106.206 madri e 124.760 bambini monitorati fino all'età di 5 anni. Fra le partecipanti, 14.396 erano state vaccinate durante la gestazione, ossia l'11,5% del totale.
Non sono emerse differenze significative nelle probabilità di sviluppare malattie autoimmuni come diabete, celiachia o artrite fra i bambini di madri vaccinate o meno in gravidanza. «Ma la vera notizia è che tra i due gruppi abbiamo rilevato significative differenze nei tassi di asma e di reazioni allergiche anafilattiche acute, potenzialmente anche mortali, nei figli delle vaccinate in gravidanza rispetto alle non
vaccinate, con una riduzione del rischio di circa il 30%», sottolinea il primo firmatario dell'articolo Damien Foo del Wesfarmers Center of Vaccines and Infectious Diseases, Telethon Kids Institute alla Curtin University di Perth in Australia. «Tale effetto protettivo, che dovrà essere confermato in altri studi più approfonditi, è stato osservato in special modo in quei casi in cui la futura mamma si è vaccinata durante il terzo trimestre di gravidanza. Questi risultati confermano la sicurezza dei vaccini supportando la prosecuzione dei programmi e delle politiche di vaccinazione materna attualmente in vigore».

Fonte: Plos Medicine 2022. Doi: 10.1371/journal.pmed.1003963
Plos Medicine

10/05/2022 15:10:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate