Risonanza magnetica utile in caso di scompenso cardiaco

Riesce a stimare la pressione interna al cuore

Uno studio della University of Sheffield mostra l'efficacia della risonanza magnetica cardiaca (CMR) in caso di scompenso cardiaco. L'esame pu├▓ essere utilizzato per stimare la pressione di riempimento del ventricolo sinistro (LVFP) e prevederne un innalzamento.
La CMR ├Ę risultata superiore all'ecocardiografia transtoracica, la tecnica di solito utilizzata perch├ę non invasiva. ┬źLa CMR ├Ę risultata un importante strumento di imaging per chiarire l'eziologia dello scompenso cardiaco e l'ulteriore sotto-fenotipizzazione. Il principale vantaggio della CMR ├Ę la sua avanzata precisione nella valutazione funzionale e volumetrica. Attualmente, non ├Ę disponibile un modello CMR che preveda la LVFP. Non ├Ę inoltre chiaro se un tale modello CMR offrir├á vantaggi prognostici┬╗, si legge su European Heart Journal.
Allo studio hanno partecipato 835 pazienti con età media di 65 anni sottoposti a cateterismo del cuore destro e CMR. Dopo aver stabilito i parametri necessari -volume atriale sinistro e massa ventricolare sinistra - nella coorte di derivazione (708 pazienti), hanno sviluppato un'equazione in grado di calcolare la pressione capillare polmonare (PCWP), applicata successivamente nella coorte di validazione (127 pazienti).
┬źAbbiamo dimostrato che la risonanza magnetica cardiaca ├Ę superiore all'ecocardiografia nel prevedere la pressione all'interno del cuore. Quasi il 71% dei pazienti in cui la pressione era stata erroneamente misurata mediante ecocardiografia, aveva misure corrette con la risonanza magnetica cardiaca┬╗, ha spiegato Pankaj Garg, primo nome dello studio.
La pressione capillare polmonare mostra un'associazione con l'aumento del rischio di morte. ┬źLa semplice equazione diagnostica ├Ę molto utile a livello clinico e aiuter├á i medici a prevedere la pressione cardiaca e a diagnosticare lo scompenso cardiaco┬╗, ha affermato Andrew J Swift, ultimo nome dello studio. ┬źIl prossimo passo ├Ę testare l'utilizzo dell'equazione in altri ospedali per verificare il benefico per i pazienti e ridurre il bisogno di esami invasivi┬╗.

Fonte: Eur Heart J 2022. Doi: 10.1093/eurheartj/ehac207.
European Heart Journal


15/06/2022 17:10:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate