Meno sale in gravidanza per proteggere il cuore dei bambini

Le diete ad alto contenuto di sale predispongono all'ipertensione

Il consumo eccessivo di sale in gravidanza non solo aumenta il rischio di ipertensione e patologie cardiovascolari nelle madri, ma predispone all'ipertensione anche il futuro bambino.
«Le diete ricche di sale sono una delle principali cause di morte in tutto il mondo e possono portare a malattie cardiovascolari. Dato che sappiamo che l'assunzione giornaliera di sale in Cina rimane elevata, abbiamo utilizzato un modello di ratto per esplorare l'impatto di una dieta ricca di sale di una futura madre sulla prole», spiega
Jingsi Chen, co-autore corrispondente dello studio, del Third Affiliated Hospital della Guangzhou Medical University in Cina.
Le femmine di ratto incinte sono state suddivise in 3 gruppi e alimentate con diete che avevano 3 diversi livelli di concentrazione di sale. Gli scienziati hanno quindi esaminato gli effetti di una dieta materna ricca di sale sull'ipertensione monitorando la pressione sanguigna e i livelli di proteine nelle urine delle madri e dei bambini.
È così emerso che la pressione sanguigna dei piccoli con elevata esposizione al sale nel corso della gravidanza era più alta rispetto a quella della prole con normale esposizione al sale. La differenza persisteva anche dopo che i gruppi hanno cominciato ad essere alimentati con la stessa dieta dopo lo svezzamento.
La dimostrazione che un ambiente intrauterino ad alto contenuto di sale ha un impatto sullo sviluppo dei piccoli anche a lungo termine. Gli autori hanno inoltre testato livelli proteici specifici, scoprendo che un ambiente ricco di sale può portare a fibrosi cardiaca, a sua volta associata a malattie come l'ipertensione e l'insufficienza cardiaca. Il rischio di sviluppare ipertensione si protraeva anche nell'età adulta.
«Questo studio mostra che il danno dell'assunzione eccessiva di sale è più profondo di quanto pensassimo. Dovremmo tutti mantenere l'assunzione di sale entro i valori raccomandati dalle linee guida, in particolare le donne durante la gravidanza», concludono gli autori.

Fonte: Gynecology and Obstetrics Clinical Medicine 2022. Doi:10.1016/j.gocm.2022.03.001
Gynecology and Obstetrics Clinical Medicine

14/07/2022 17:41:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate