La mammografia va fatta a 40 anni

Cambio nelle linee guida americane

Le nuove linee guida americane sul cancro al seno sono improntate alla massima cautela. Il limite di età fissato per iniziare a sottoporsi alla mammografia passa infatti da 50 a 40 anni.
La revisione è stata decisa sulla base dell'aumento delle diagnosi di cancro al seno fra le più giovani. L'indicazione della US Preventive Services Task Force è valida per le donne di tutte le origini etniche a rischio medio di tumore al seno.
Nel 2009, gli esperti avevano operato il cambio opposto, passando dai 40 ai 50 anni. All'epoca c'era preoccupazione riguardo alla possibilità di sovradiagnosi e prescrizione di trattamenti non necessari.
Uno studio della Queen Mary University di Londra sembra sostenere le nuove linee guida. Anticipare la prima mammografia a 40 ridurrebbe infatti del 25% le morti per cancro rispetto al piano standard di screening attuale che prevede il primo esame a 50 anni, stando ai dati dello studio inglese.




Lo UK Age Trial è partito nel 1990 e i risultati riguardano donne seguite in media per 23 anni. Il team guidato da Stephen W. Duffy ha analizzato 160mila donne che all'inizio della sperimentazione avevano fra i 39 e i 40 anni. Un terzo (53.883) hanno ricevuto via posta l'invito a sottoporsi alla mammografia, mentre gli altri due terzi costituivano il gruppo di controllo che non si è sottoposto a esami fino ai 50 anni.
Trascorsi 10 anni i ricercatori hanno segnalato una riduzione della mortalità per cancro al seno statisticamente significativa nel primo gruppo, nel quale si sono verificate 83 morti contro i 219 decessi del secondo gruppo.
“La differenza si osserva solo per questo primo decennio e non in quello seguente (dove i decessi sono stati 126 e 255 rispettivamente, ndr)”, commenta Livia Giordano, epidemiologa del Centro di Riferimento per l'Epidemiologia e la Prevenzione oncologica del Piemonte e tra i revisori delle ultime linee guida europee per lo screening mammografico: “Questo perché a quel punto tutte le donne della sperimentazione sono rientrate nel normale programma di screening”.
“Le linee guida europee oggi non consigliano lo screening tra i 40 e i 44 anni - prosegue l'epidemiologa - perché ancora mancano dati che ne sostengano la reale utilità. C'è, invece, l'indicazione tra i 45 e i 49 anni, ma è condizionata”.
Ciò significa che innanzitutto va garantito lo screening alle donne nella fascia d'età 50-69 anni, dove l'incidenza di tumore al seno è molto più alta e i vantaggi sono certi. Inoltre, va considerato anche il rischio di falsi negativi e positivi.
“Condurre uno studio che possa mettere in evidenza la riduzione di mortalità è molto difficile”, spiega l'esperta: “Lo screening mammografico nelle più giovani è però senza dubbio una questione aperta”.
L'opzione ideale sarebbe uno screening personalizzato basato sul rischio individuale, indipendentemente dall'età. “Molti studi stanno andando in questa direzione”, conclude Giordano: “Sarebbe importante considerare fattori di rischio importanti come familiarità, densità del seno e stili di vita”.

11/05/2023 Andrea Sperelli


Notizie correlate