Ipertensione, 3 grammi al giorno di Omega-3 aiutano

Dose ottimale per ridurre i valori pressori

3 grammi al giorno di acidi grassi omega-3 costituiscono la dose ottimale per ridurre in maniera naturale i valori della pressione sanguigna. Lo dice uno studio pubblicato sul Journal of American Heart Association da un team della Macau University of Science and Technology di Pechino.
Xinzhi Li, coordinatore della ricerca, spiega: «Anche se alcuni studi suggeriscono che il consumo di acidi grassi omega-3 possa abbassare la pressione sanguigna, il dosaggio ottimale per avere questo risultato non è stato chiarito».
Per questo, i ricercatori cinesi hanno analizzato i dati di 71 studi clinici pubblicati dal 1987 al 2020 che esaminavano il nesso fra la pressione sanguigna e gli acidi grassi omega-3 DHA ed EPA in persone dai 18 anni in su, con o senza ipertensione o disturbi del colesterolo, per un totale di quasi 5.000 soggetti.
Per 10 settimane, in media, i soggetti hanno assunto fonti di acidi grassi dietetiche e/o integratori prescritti dal medico. I dati mostrano che, rispetto agli adulti che non consumavano EPA e DHA, chi ne consumava dai 2 ai 3 grammi al giorno mostrava una riduzione della pressione sanguigna sistolica e diastolica in media di 2 mmHg.
Con tre grammi al giorno di omega-3, la pressione sanguigna sistolica (SBP) è diminuita in media di 4,5 mmHg nelle persone con ipertensione e di circa 2 mmHg in quelle senza. Con cinque grammi al giorno di omega-3, la SBP è diminuita in media di quasi 4 mmHg per gli individui con ipertensione e meno di 1 mmHg per quelli senza. La stessa tendenza è stata osservata nelle persone con livelli elevati di lipidi nel sangue e tra quelle di età superiore ai 45 anni. «Il nostro studio supporta l'idea della Food and Drug Administration (FDA) secondo cui gli acidi grassi omega-3 EPA e DHA possono ridurre il rischio di malattia coronarica abbassando la pressione alta, specialmente tra le persone che hanno una diagnosi di ipertensione», sottolineano gli autori. «Tuttavia, anche se il nostro studio aggiunge prove credibili, la soglia necessaria in conformità con le normative della FDA per proporre un'indicazione autorizzata per gli acidi grassi omega-3 nel trattamento dell'ipertensione non è ancora stata raggiunta», concludono gli esperti.

Fonte: JAHA 2022. Doi: 10.1161/JAHA.121.025071
JAHA

15/06/2022 16:15:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate