Riparare il ginocchio con le staminali

Nuovo studio sperimenta l'uso di tessuto adiposo autologo

Le cellule staminali ottenute dal grasso del paziente potrebbero essere la chiave per riparare il ginocchio danneggiato da un'artrite. Ci stanno lavorando i ricercatori dell'azienda italiana Lipogems International, che hanno ricevuto dalla Fda americana il via libera per uno studio clinico.
"Siamo molto orgogliosi di questo traguardo ottenuto dopo oltre 2 anni di lavoro con la Fda", dichiara Giorgio Ninzoli, Group Ceo di Lipogems, multinazionale con sede a Milano che opera nel settore delle biotecnologie e della medicina rigenerativa, costituita nel 2012 da Camillo Ricordi, direttore del Diabetes Research Institute di Miami, e Carlo Tremolada, chirurgo plastico. Il trial verrà condotto negli States e rappresenta "il passo fondamentale per ottenere il rimborso negli Usa per la cura dell'osteoartrite del ginocchio, una delle patologie più comuni che colpisce milioni di persone ogni anno", sottolinea Ninzoli, certo che "questa approvazione avrà un forte impatto per Lipogems in tutto il mondo".
L'azienda - spiega una nota - produce e commercializza un innovativo dispositivo medico utilizzato per processare e micro frammentare il tessuto adiposo impiegato in ortopedia, in chirurgia colorettale, nella cura delle ferite croniche e in altre specialità. Lipogems vanta oltre 100 pubblicazioni su riviste peer reviewed e il suo dispositivo è stato utilizzato a oggi per oltre 50mila procedure in tutto il mondo.
Il dispositivo medico sviluppato e brevettato da Lipgems è certificato e autorizzato per il prelievo e la processazione del tessuto adiposo. La procedura, minimamente invasiva, può essere completata in meno di un'ora sia in sala operatoria sia in un ambulatorio chirurgico. Prevede un piccolo prelievo di grasso, la lavorazione del campione e il successivo innesto del materiale ottenuto.
La processazione effettuata dal dispositivo è un processo di microframmentazione che simula un danno tissutale e innesca quindi i naturali processi di riparazione: in particolare, attiva la trasformazione del pericita, un tipo di cellula indifferenziata, a cellula staminale mesenchimale Msc. Il prodotto così ottenuto è un tessuto adiposo microframmentato destinato a innesto autologo, con alte concentrazioni di periciti e cellule mesenchimali attive che favoriscono il naturale processo rigenerativo.
Dall'osteoartrite del ginocchio all'ulcera del piede diabetico, dalla fistola perianale causata dal morbo di Crohn a veicolo di somministrazione dei farmaci per il trattamento di tumori e infezioni, i campi di applicazione del trattamento appaiono davvero numerosi e interessanti.


22/06/2022 15:45:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate