Il miglior screening per il diabete gestazionale

Studio analizza i due approcci utilizzati finora

Disturbi%20tiroide_10361C.jpg
Keywords | diabete, gestazionale, screening,

Meglio uno o due test di screening per il diabete gestazionale? Se lo sono chiesti i ricercatori del Kaiser Permanente, pubblicando sul New England Journal of Medicine i risultati della loro analisi.
Stando ai dati, un approccio basato su un solo test produce molte più diagnosi rispetto alla strategia con doppio test, anche se non ci sono differenze a livello di complicanze materne e perinatali fra i due approcci.
Lo screening per il diabete gestazionale è raccomandato tra le settimane 24 e 28 di gravidanza, ma gli esperti non sono d’accordo su quale metodo andrebbe usato, se con una o due fasi, entrambi con svantaggi e vantaggi.
Allo studio ScreenR2GDM hanno partecipato 23.792 donne incinte randomizzate a uno screening a singolo step – un test di tolleranza al glucosio in cui i livelli di glucosio nel sangue sono esaminati dopo la somministrazione orale di un carico di glucosio di 75 g a digiuno - o a doppio step, ovvero un mini-carico di glucosio (glucose challenge test; GCT) in cui i livelli di glucosio nel sangue si ottengono a seguito della somministrazione orale di un carico di glucosio di 50 g non a digiuno seguito in caso di positività da un test di tolleranza al glucosio con un carico di glucosio di 100 g digiuno.
Nel 92% dei casi, le donne del gruppo a due test hanno completato lo screening, mentre l’aderenza è scesa al 66% nel gruppo delle donne che hanno affrontato lo step singolo. Il diabete gestazionale è stato diagnosticato al 16,5% delle donne del gruppo a singolo step e all’8,5% di quelle del gruppo a doppio step.
Non sono però sono state osservate differenze nell'incidenza degli altri esiti primari (esito perinatale composito [3,1% e 3,0%], parto cesareo [24,0% e 24,6%,], neonato grande per l'età gestazionale [8,9% e 9,2%] e ipertensione gestazionale o preeclampsia [13,6% e 13,5%]). Tra le donne con diabete gestazionale, la percentuale di quelle che hanno ricevuto insulina o farmaci ipoglicemizzanti è stata simile tra i gruppi (42,6% e 45,6%).
Brian Casey, ricercatore della University of Alabama di Birmingham, segnala però i limiti dello studio in un editoriale di accompagnamento: «Lo studio non affronta i potenziali benefici a lungo termine dell'aumento di diagnosi di diabete gestazionale – come l'individuazione di più donne ad alto rischio per successivo diabete che potrebbero beneficiate di strategie della riduzione del rischio».

Fonte: New England Journal of Medicine
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
07/04/2021



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO

Notizie correlate


Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  79729
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Tecnologia spaziale contro la sclerosi multipla  77868
L'esperienza di Samantha Cristoforetti potrebbe rivelarsi utile alla causa

Sclerosi multipla, alterato il metabolismo cellulare  74827
Lo squilibrio energetico nelle cellule nervose è la chiave per nuove terapie

Sclerosi multipla, metabolismo e linfociti T umani  72378
Ricerca italiana rivela il meccanismo molecolare alla base del rapporto

Dagli States arriva il Woga  65994
Yoga in acqua per rilassarsi

Sclerosi, novità sulla sicurezza di fingolimod  62269
Intanto uno studio rivela i motivi della sua efficacia

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.