Cibi a basso indice glicemico per la malattia coronarica

Una dieta a base di questi alimenti può migliorare lo stato di salute

I pazienti affetti da malattia coronarica dovrebbero seguire una dieta a basso indice glicemico per migliorare il proprio stato di salute. È quanto emerge da uno studio presentato all'ACNAP-EuroHeartCare Congress 2022, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia.
«La digestione degli alimenti a basso indice glicemico come mele, arance, broccoli e verdure a foglia verde ma anche ceci, lenticchie, fagioli, riso integrale e avena è più lenta, e di conseguenza la glicemia aumenta in modo più graduale», precisa il coautore Jamol Uzokov del Centro Medico di Terapia e Riabilitazione di Tashkent in
Uzbekistan.
Studi precedenti hanno peraltro suggerito un nesso fra diete ad alto indice glicemico e il rischio di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2. Per verificare gli effetti di una dieta a basso indice glicemico sull'indice di massa corporea, circonferenza della vita, circonferenza dei fianchi e rapporto vita-fianchi nei pazienti con coronaropatia, gli autori hanno organizzato uno studio randomizzato e controllato con 160 pazienti fra i 38 e i 76 anni. Un sottogruppo ha seguito un'alimentazione a basso indice glicemico per 3 mesi, un altro una dieta di routine che limitava i grassi e alcune proteine come latte intero, formaggio, carne, tuorli d'uovo e cibi fritti.
I dati sono evidenti: la dieta a basso indice glicemico ha consentito una riduzione di 4,2 kg/m2 nel gruppo a basso indice glicemico, contro gli 1,4 kg/m2 del gruppo che seguiva la dieta normale.
Anche la circonferenza della vita beneficiava del primo approccio alimentare, con una perdita media di 9 cm rispetto a una di 3,3 cm dell'altro gruppo. Non è invece emersa alcuna differenza riguardo alla circonferenza dei fianchi e al rapporto vita-fianchi.
«Sebbene siano necessari studi più ampi per confermare questi risultati, la nostra
ricerca indica che l'alimentazione con cibi a basso indice glicemico come parte di una dieta equilibrata potrebbe aiutare i pazienti cardiopatici a controllare il loro peso e il girovita», conclude Uzokov.

Fonte: ACNAP-EuroHeartCare Congress. ePoster sesin. Influence of diet with low glycemic index on anthropometric parameters in patients with atherosclerotic coronary artery disease
ACNAP

14/06/2022 11:40:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate