Il muco delle mucche contro l'Hiv

Il gel ricavato dalla sostanza potrebbe essere efficace

Strano (e un po' schifoso), ma vero. Un gel sintetico ricavato dal muco delle mucche sembra in grado di ridurre - almeno in vitro - del 70% la virulenza del virus Hiv-1 e dell'80% quella dell'Hsv-2, il virus dell'herpes.
Il risultato è frutto di una ricerca del Kth Royal Institute of Technology di Stoccolma condotta in collaborazione con Sonia Visentin e Cosmin Stefan Butnarasu del dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze per la Salute dell'università di Torino.
Lo studio è stato pubblicato su Advanced Sciences e hanno contribuito al suo sviluppo anche ricercatori del Technical University of Munich (Tum), e del Karolinska Institutet (Ki).
“Il gel sviluppato - ha dichiarato Hongji Yan, ricercatore del Kth e leader del progetto - replica la funzione di autorigenerazione, proprietà fondamentale del materiale che consente la lubrificazione e la profilassi del muco contro le infezioni. La ragione per cui il gel sintetico è così efficace nel ridurre la virulenza di Hiv e Hsv, senza il rischio di effetti collaterali o sviluppo di resistenza come con altri composti antivirali, deriva dalla naturale complessità delle mucine”.
“Tali proprietà - ha poi aggiunto - sarebbero difficili da ottenere con un tipo di polimero diverso dalle mucine. Inoltre, le mucine utilizzate per sintetizzare il gel riducono anche l'attivazione delle cellule immunitarie, le quali, quando attivate, facilitano la replicazione e la diffusione dell'Hiv”.
Sonia Visentin, docente del Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze per la Salute UniTo, ha sottolineato che “da tempo nei nostri laboratori UniTo ci occupiamo di mucine in ambito farmaceutico. Lo studio, condotto in collaborazione con i ricercatori del Kth, è un'ulteriore prova delle potenzialità che le mucine possono avere in ambito biomedico. Oltre all'applicazione in ambito antivirale, il nostro laboratorio studia anche l'impatto che la mucina esercita sull'attività dei farmaci, ma anche il suo utilizzo come veicolo per principi attivi. Negli ultimi decenni la ricerca globale ha permesso di comprendere meglio la struttura e le funzioni di questa proteina. Solo recentemente però si è capito l'enorme versatilità che la mucina ha in ambito farmaceutico e biotecnologico”.

29/09/2022 16:32:00 Andrea Piccoli


Notizie correlate