Nutella
Di salute (del 06/10/2007 @ 13:37:42, in Lettera N, visto n. 3777 volte)
Nutella è il nome registrato di un famoso prodotto della Ferrero. Nacque nel laboratorio di pasticceria di Pietro Ferrero, fondato ad Alba nel 1944. Il successo che ne derivò a livello mondiale fu così vasto che oggi la Nutella è praticamente il preparato spalmabile a base di cacao e nocciole più utilizzato e conosciuto. Oltre al consumo spalmato su pane o fette biscottate o sulla frutta, la Nutella entra in molte ricette, come le crepês e le torte. Il suo successo, oltre al gusto inconfondibile, è legato alla facilità di conservazione (non va messa in frigorifero) e di dosaggio. Gli ingredienti principali sono le nocciole presenti per il 13%, il cacao magro e il latte scremato in polvere (per il 5%). A questi sono aggiunti degli emulsionanti con lo scopo di evitare che i tre componenti principali si separino, L’emulsionante è di origine vegetale e si tratta della lecitina di soia. Completano gli ingredienti il siero di latte in polvere, lo zucchero, il lattosio e gli aromi. La presenza delle nocciole e del cacao alza la percentuale lipidica al 31%, ma anche le proteine sono presenti in percentuale significativa (6,5). La frutta secca e il cacao sono fonti di molti sali minerali, e la Nutella presenta un contenuto molto elevato di magnesio e fosforo (rispettivamente 80 e 175 mg). Inoltre è ricca di vitamina B2 (0,36 mg per 100 g), vitamina B12 (0,43 mg, che risulta pari al 43% della dose raccomandata europea). Anche la vitamina E è presente in buona quantità (4,53 mg). Nutella e alimentazione – La Nutella è stata demonizzata dai nutrizionisti per due motivi: l'alto contenuto calorico e la qualità dei suoi ingredienti. Per quanto riguarda il primo motivo è sicuramente vero che non è possibile consumarla spesso, ma è altrettanto vero che è meno "pericolosa" di altri cibi simili, come per esempio il cioccolato. Il motivo è proprio la sua spalmabilità (con il pane o le fette biscottate) e la sua miscibilità (per esempio con lo yogurt magro) che riducono drasticamente l'apporto calorico per 100 g di alimento così modificato. In sostanza può diventare un surrogato del cioccolato se si calcola esattamente il contributo calorico. INFO AL. - Carboidrati: 57; proteine: 6,5; grassi: 31; acqua: 5,5; calorie: 533.