Tribulus Terrestris
Di Dr. Militello (del 24/10/2013 @ 23:09:41, in Lettera T, visto n. 1004 volte)
Questo studio ha voluto valutare l’effetto della somministrazione di dosi ripetute di estratto acquoso liofilizzato dei frutti essiccati del tribulus terrestris per valutarne l’effetto“ afrodisiaco” sui ratti albini sessualmente pigri. MATERIALI E METODI L’attività “afrodisiaca” del farmaco è stata chiaramente valutata osservando il comportamento sessuale del ratto. Sono stati effettuati dosaggi del testosterone e una conta degli spermatozoi per valutare l’ effetto che l’esposizione alla molecola causava sull’ asse ipotalamo-ipofisi-gonadi. Sono stati effettuati 28 giorni di somministrazione orale continuativa per valutarne la tossicità sui vari organi RISULTATI E’ stato sicuramente osservato un miglioramento dose dipendente, con un aumento della frequenza degli accoppiamenti, frequenza di penetrazioni ed una roduzione della latenza post eiaculatoria. Il potenziamento era più evidente nella somministrazione cronica. La somministrazione cronica ha causato maggiormente un aumento dei livelli serici di testosterone senza effetto alcuno sulla quantità degli spermatozoi. Nessun effetto collaterale sistemico è stato rilevato CONCLUSIONI Questi risultati convalidano il possibile uso del tribulus terrestris come un potenziatore naturale e quindi un possibile aiuto aggiuntivo nel trattamento della disfunzione sessuale maschile.