Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 07/02/2011 @ 15:46:48, in Lettera B, visto n. 2972 volte)
Detto anche bulbo rachidiano o midollo allungato. È la porzione dell'encefalo posta tra il ponte e il midollo spinale. Il bulbo spinale ospita numerosi nuclei nervosi, vi si trovano infatti i nuclei motori sensitivi di diversi nervi cranici (V, VI, VII, VIII, IX, X, XI, XII paio), e in questa regione emergono anche le radici di alcuni di questi nervi. Inoltre la metà superiore della faccia posteriore del bulbo partecipa alla costituzione del pavimento del IV ventricolo, una cavità di forma piramidale compresa fra il bulbo spinale, il ponte e il cervelletto. Nel bulbo spinale si trova anche la sostanza reticolare. È inoltre sede dei centri regolatori che presiedono alle attività del respiro, dell'attività del cuore, della vasomotilità ecc. Il bulbo rachidiano ha origine da una delle tre vescicole (quella posteriore) in cui, negli stadi più precoci dello sviluppo embrionale, risulta espansa la parte anteriore del bulbo neurale,abbozzo del sistema nervoso centrale. Lesioni del bulbo spinale possono causare alterazioni della sensibilità, della motilità, e anche morte, nel caso in cui la compromissione colpisca centri vitali quali i centri cardiaco e respiratorio.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 07/02/2011 @ 15:56:43, in Lettera B, visto n. 936 volte)
Disturbo dell'alimentazione caratterizzato da fame eccessiva e conseguente aumento della quantità di alimenti ingeriti. Può essere legata a disturbi organici o psichici. È spesso collegata a malattie gastriche, come l'ulcera o a sindromi sistemiche, come il diabete o la gotta o ancora a malattie dell'apparato endocrino. Nella bulimia di origine psicologica gli individui sono organicamente sani ma presentano una fame insaziabile, perciò si abbuffano ma spesso tendono a mettere in atto metodi di compensazione in seguito al senso di colpa, come l'induzione del vomito o l'uso di lassativi. Si ricorre in questi casi a psicoterapia (terapia comportamentale) e/o a terapia farmacologica.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 07/02/2011 @ 16:07:09, in Lettera B, visto n. 1141 volte)
Antidepressivo eterociclico di seconda generazione. Questo farmaco ha una azione dopaminergica, in quanto inibisce la ricaptazione della dopamina a livello delle sinapsi nel sistema nervoso centrale. Non ha effetti collaterali di sedazione o antimuscarinici e presenta minore tossicità da sovradosaggio rispetto agli antidepressivi triciclici.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 07/02/2011 @ 16:11:55, in Lettera B, visto n. 1421 volte)
Detto anche tromboangioite obliterante, è una sindrome caratterizzata dall'infiammazione cronica e conseguente ostruzione dei vasi degli arti inferiori. Porta forte sofferenza dei tessuti e dolore. Colpisce prevalentemente i soggetti maschi di età inferiore ai 40 anni, specie i forti fumatori. La terapia mira a migliorare le condizioni della circolazione periferica. Va abolito il fumo, seguita una dieta ricca in vitamine, assunti farmaci vasodilatatori. In caso di cancrena dell'arto si rende necessaria l’amputazione.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 07/02/2011 @ 16:26:44, in Lettera B, visto n. 2023 volte)
Strumento che consente il conteggio al microscopio dei costituenti del sangue: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Il dispositivo è composto da una lastra di vetro su cui è inciso un reticolo di quadrati e rettangoli di dimensioni note. Una goccia di sangue viene posta sulla lastra e viene fissato un apposito vetrino. Conoscendo le misure degli spazi del reticolo si può risalire al numero di cellule presenti in 1 mm3.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 07/02/2011 @ 16:06:32, in Lettera B, visto n. 1133 volte)
Tumore maligno che interessa il sistema linfatico, è un linfoma non-Hodgkin. È endemico in talune regioni dell'Africa tropicale e della Nuova Guinea. Si presenta in due forme: quella endemica colpisce i bambini fra 4 e 9 anni come un tumore che origina dalle ossa mascellari o mandibolari con coinvolgimento degli organi addominali e del sistema nervoso centrale; la forma sporadica colpisce i bambini intorno ai 10 anni e per di più interessa l'addome. La forma endemica risulta fortemente associata con il virus di Epstein-Barr, il virus della mononucleosi infettiva.
 
Di medicinasalute (del 11/12/2011 @ 18:04:47, in Lettera B, visto n. 1179 volte)
Patologia autosomica recessiva, conosciuta anche come colestasi intraepatica familiare Si manifesta attraverso ripetuti episodi di ittero per colestasi intraepatica in seguito ad un alterato metabolismo dei sali biliari, epatosplenomegalia, e può tramutare in cirrosi.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< giugno 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate