Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di riccardo (del 24/10/2013 @ 12:14:24, in Lettera C, visto n. 976 volte)
Tecnica terapeutica basata sulla manipolazione della colonna vertebrale e delle articolazioni volta a combattere manifestazioni dolorose a carico dell'apparato locomotore mediante particolari manipolazioni (trazioni, compressioni ecc.) della regione interessata. L'assunto di base è che i problemi strutturali del corpo, in particolare quelli riguardanti la colonna vertebrale, sono correlati a specifiche disfunzioni a livello del sistema nervoso. Se per certi versi si può dire che le diverse manipolazioni costituiscono patrimonio comune anche della medicina e della fisioterapia, è bene sottolineare che nell'ambito della chiropràtica esse si inseriscono in un più ampio modo di intendere le relazioni che intercorrono tra una data patologia e lo stato in cui si trova l'apparato locomotore (scheletro, articolazioni, muscolatura). Infatti i cultori della chiropràtica ritengono che quasi tutte le affezioni siano riconducibili a un danno dell'attività muscolare e nervosa, a sua volta determinato da alterazioni nell'allineamento delle ossa quando si articolano tra loro, specie per quel che riguarda le vertebre. Obiettivo della chiropratica è la correzione delle cosiddette sublussazioni, ossia delle alterazioni della colonna vertebrale (spostamento di una o più vertebre ecc.) che possono creare disfunzioni e disturbi. Le manipolazioni vertebrali effettuate dai chiropratici sembrano in effetti rappresentare una terapia sintomatica di una certa utilità in alcuni pazienti affetti da lombalgia (mal di schiena). Recenti studi sull'efficacia delle manipolazioni spinali nelle persone affette da cefalea muscolo-tensiva e da lombalgia hanno però sollevato dubbi sulla reale efficacia di questo trattamento, quando confrontato con altri interventi considerati come placebo. Nessuna differenza significativa è stata riscontrata per quanto riguarda l'intensità del dolore, il numero di giornate lavorative perse, la frequenza delle recidive.
 
Di riccardo (del 24/10/2013 @ 12:17:24, in Lettera C, visto n. 1017 volte)
Branca della medicina che si vale di tecniche manuali e strumentali, di tipo cruento, per la terapia di malattie o affezioni morbose di varia natura e origine. In linea di massima, nella pratica chirurgica è possibile distinguere un momento demolitivo (asportazione parziale o totale di tessuti e organi) e uno ricostruttivo, variamente combinati tra loro. Come l'insieme della medicina anche la chirurgìa ha conosciuto nel corso degli anni più recenti enormi progressi con un continuo spostamento in avanti dei limiti considerati un tempo invalicabili, grazie a molteplici fattori: l'affinamento dei metodi di sterilizzazione e asepsi, che permettono di diminuire drasticamente l'incidenza delle complicazioni infettive; i progressi tecnologici, che mettono a disposizione degli operatori materiali e strumenti sempre più sofisticati e duttili; l'affinamento delle tecniche diagnostiche, che rendono possibile al chirurgo un'approfondita preparazione dell'intervento sulla scorta delle informazioni ricavate, alle quali si associa un costante perfezionamento delle tecniche operatorie vere e proprie. Non si deve inoltre dimenticare il ruolo insostituibile svolto dalla moderna anestesiologia che, grazie ai suoi farmaci sempre più potenti e sicuri e alle sue metodiche particolari (quali la respirazione artificiale, la circolazione extracorporea, l'ipotermia ecc.), permette l'esecuzione di interventi un tempo assolutamente impensabili, come quelli a cuore fermo, ora così frequenti in cardiochirurgia. Il mantenimento delle funzioni vitali anche in situazioni assolutamente artificiali, grazie all'intervento delle tecniche di rianimazione e di terapia intensiva, consente di allargare considerevolmente le indicazioni chirurgiche estendendole a casi clinici precedentemente considerati inoperabili (pazienti anziani, gravemente compromessi dall'evento morboso o da malattie preesistenti ecc.).
 
Di medicina (del 17/09/2007 @ 21:34:17, in Lettera C, visto n. 3521 volte)
Il chitosano ¨¨ un polisaccaride lineare composto da D-glucosamina e N-acetil-D-glucosamina, legate tramite legami ¦Â(1-4). Il chitosano viene usato in genere come elemento all'interno di shampoo, e si forma trattando la chitina, generalmente ottenuta dall'esoscheletro di crostacei con soluzione acquosa basica. Viene spesso utilizzato anche nei regimi alimentari ipocalorici allo scopo di ridurre il peso, in quanto ¨¨ in grado di attirare e legare a s¨¦ i grassi impedendone l'accumulo.
 
Di dr.psico (del 08/09/2007 @ 15:37:12, in Lettera C, visto n. 1966 volte)
Dal punto di vista microbiologico la clamidia è un batterio, ma in patologia si comporta come un parassita, in quanto per sopravvivere deve infettare una cellula ospite. Dal punto di vista clinico la clamidia è responsabile di varie malattie. La Clamidia è una malattia infettiva sessualmente trasmissibile, il cui nome comune deriva dal genere di parassiti intracellulari Chlamydia. Questo genere comprende diverse specie, la più importante delle quali, patogena per l'uomo, è la Chlamydia trachomatis, responsabile di un'infezione trasmessa da rapporti sessuali non protetti con individui già ammalati. Attualmente si tratta dell'infezione a trasmissione sessuale più frequente e secondo alcune stime raggiungerebbe il 20% della popolazione. I sintomi possono essere abbastanza vaghi: bruciori e secrezioni vaginali anomale, emorragie fra i cicli nella donna, sensazione di bruciore quando si urina negli uomini. Spesso vengono scambiati per sintomi di infiammazioni delle vie urinarie (cistite), a volte sono di così lieve intensità da essere trascurati. La facilità con cui il microrganismo infetta il partner e la difficoltà di una diagnosi tempestiva fanno sì che il bacino d'infezione del batterio sia molto vasto. Per questo motivo gli ultimi studi negli Stati Uniti suggeriscono di effettuare un test di routine una volta all'anno a tutte le donne con età inferiore a 25 anni. L'identificazione della Chlamydia è molto facile, mediante la ricerca del suo materiale genetico, con tamponi vaginali o il pap-test. La cura è altrettanto semplice: è sufficiente una terapia antibiotica di sette giorni e l'effettuazione dopo qualche mese del test per verificare la scomparsa del parassita. Se una donna risulta positiva al test, occorre mettere al corrente il partner perché il rischio di contagio è molto alto, almeno nei rapporti avvenuti trenta giorni prima della comparsa dei sintomi nella donna o sessanta giorni prima, nel caso di manifestazione asintomatica della malattia. L'infezione da Chlamydia è molto seria in quanto potenzialmente interessa una parte di popolazione molto vasta (in particolar modo le giovanissime sono a rischio per i comportamenti poco inclini all'uso del profilattico) e, nel caso di gravidanza, può indurre gravi conseguenze sul neonato (congiuntivite o polmonite). Inoltre, se trascurata, l'infezione può diffondersi alla zona pelvica, all'utero, risalendo verso le tube di Falloppio e le ovaie: la conseguenza più seria di ciò è la Malattia Infiammatoria Pelvica che, se non trattata tempestivamente, può portare alla sterilità nella donna. C'è da dire che l'uso del profilattico non mette al riparo completamente dall'infezione in quanto, diffondendosi anche dalle secrezioni vaginali, può essere trasmesso da biancheria, asciugamani o oggetti contaminati. Per questo motivo una scrupolosa igiene personale è una buona tecnica preventiva.
 
Di dr.psico (del 08/09/2007 @ 14:00:36, in Lettera C, visto n. 2140 volte)
La sindrome di Churg-Strauss è un tipo di vasculite sistemica dei piccoli vasi. La patologia prende il nome dei primi medici che ne descrissero le manifestazioni nel 1951, Jacob Churg e Lotte Strauss. La malattia colpisce in prevalenza soggetti di sesso maschile fra i 40 e i 60 anni. I sintomi più frequenti sono sinusopatia, asma bronchiale, angioite allergica, necrosi eosinofila, eosinofilia. Sono cinque i fattori di rischio che possono provocare il decesso della persona che soffre della sindrome di Churg-Strauss: 1) Riduzione della funzione renale; 2) Emorragia gastrointestinale; 3) Cardiomiopatia; 4) Coinvolgimento del sistema nervoso centrale; 5) Proteinuria. In presenza di uno di tali fattori di rischio, la mortalità è del 12 per cento, che poi cresce esponenzialmente in presenza di altri fattori. La terapia si basa sulla somministrazione di immunodepressori e corticosteroidi.
 
Di riccardo (del 24/10/2013 @ 12:22:00, in Lettera C, visto n. 897 volte)
Foglio circolare sottile di pane azimo sul quale, dopo averlo rammollito in acqua, si versa il farmaco in polvere per la somministrazione orale.
 
Di riccardo (del 24/10/2013 @ 12:23:13, in Lettera C, visto n. 898 volte)
Composto che si forma all'interno del globulo rosso per unione della parte proteica dell'emoglobina con l'acido cianidrico o altri cianuri, che impediscono l'utilizzazione dell'ossigeno da parte delle cellule, causando una grave forma di ipossia, detta ipossia istotossica.
 
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (507)
Lettera D (256)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (188)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (349)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< aprile 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate