Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di riccardo (del 16/05/2014 @ 17:37:07, in Lettera E, visto n. 1092 volte)
Complesso formato da vie e centri nervosi che agiscono direttamente o indirettamente sulla corretta azione motoria attraverso il controllo delle reazioni istintive orientate, adattandole al movimento volontario coordinato dal sistema piramidale. Comprende i nuclei grigi sottocorticali o nuclei della base corpo striato che a sua volta comprende il nucleo caudato, il putamen e il globo pallido, il nucleo subtalamico o corpo del Luys diencefalo, la sostanza nera del Sommering mesencefalo, il nucleo rosso mesencefalo, la formazione reticolare, alcuni nuclei del tronco encefalico, olive bulbari, alcune aree corticali frontali. Le connessioni del sistema extrapiramidale risultano molto complesse: gli impulsi periferici giunti al talamo vengono smistati al corpo striato, vero complesso organizzatore degli impulsi che vengono poi trasmessi alle formazioni extrapiramidali sottostanti. In virtù dei rapporti con la corteccia, queste strutture sono in grado di regolare la motilità piramidale di origine corticale. Il sistema extrapiramidale rappresenta quindi un sistema a più sinapsi che influenza in ultima istanza i motoneuroni spinali con la regolazione del tono muscolare e della motilità. La sua azione viene così esplicata nei movimenti espressivi e in quelli associati come il pendolamento degli arti superiori durante la marcia, nella scrittura, nella masticazione, nella fonazione, nella deglutizione, nella stazione eretta e in tutti gli altri atteggiamenti del corpo. La rottura dell'equilibrio fra i vari circuiti è all'origine dei disordini motori extrapiramidali, per esempio i movimenti coreoatetosici, il tremore parkinsoniano .
 
Di riccardo (del 16/05/2014 @ 17:49:51, in Lettera E, visto n. 1611 volte)
Contrazione cardiaca anticipata. La maggior parte si verifica in seguito alla produzione di un impulso elettrico a livello di un focolaio ectopico del cuore ossia di una sede non abituale, fuori tempo rispetto al normale susseguirsi degli impulsi del ritmo cardiaco come dettato dal nodo senoatriale, struttura appartenente a un tessuto ultraspecializzato - il tessuto di conduzione - in grado di eseguire una contrazione autonoma dove nascono normalmente gli impulsi. Tra le possibili cause di focolai ectopici ci sono: 1 aree circoscritte di ischemia 2 piccole placche calcifiche nel miocardio 3 irritazione tossica del nodo atrioventricolare del sistema di conduzione o del miocardio conseguenti all'uso di farmaci, nicotina, caffeina, ecc. 4 irritazione meccanica in corso di cateterismo cardiaco. All'extrasistole segue solitamente un periodo di rilasciamento del cuore che dura di più rispetto alla norma, chiamato pausa compensatoria. Le extrasistole possono essere isolate e sporadiche oppure susseguirsi in modo periodico con un certo ordine in rapporto a ogni sistole precedente (bigeminismo) o dopo 2-3 sistoli normali tri - e quadrigeminismo. Extrasistolo in serie successiva sono definite salva di extrasistole, condizione che può comportare rischi maggiori per la salute. Le extrasistole sono distinte in sopraventricolari, atriali e giunzionali tendenzialmente benigne e ventricolari che sono invece potenzialmente più gravi a seconda della sede in cui si manifestano. Le extrasistole possono presentarsi anche in soggetti normali senza avere alcun significato patologico, nel caso di emozioni o sforzi fisici o per abuso di alcolici e tabacco. Possono però essere associate a stati di sofferenza del miocardio o a gravi malattie organiche specialmente se compaiono con una certa frequenza. Nel momento in cui si verifica un'extrasistole, è possibile avvertire una sensazione di tuffo al cuore, di pausa o di arresto momentaneo del battito, a causa della pausa compensatoria. Il riscontro obiettivo di un'aritmia extrasistolica è ottenuto con l'impiego dell'elettrocardiogramma la cui morfologia puo risultare più o meno alterata a seconda della posizione del focolaio ectopico. Per approfondire maggiormente le cause e gli aspetti clinici di questa forma di aritmia sono talvolta necessarie ulteriori indagini attraverso elettrocardiogramma dinamico delle 24 ore, ECG-Holter, studi di elettrofisiologia cardiologica, ecocardiografia ecc. La terapia consiste nell'abolizione di fattori tossici come tabacco, caffe ecc. e nella correzione dei fenomeni che possono provocare extrasistole per via riflessa come il meteorismo, la stitichezza e le colecistopatie. Si ricorre alla somministrazione di farmaci antiaritmici, betabloccanti, chinidina solo nei casi in cui la sintomatologia è imponente o quando sono presenti segni di cardiopatia oppure quando le extrasistole sono frequenti e presentano un diverso punto di origine. Per le extrasistole ventricolari è comunque necessario un più attento monitoraggio specie nel caso di pazienti ad aumentato rischio cardiovascolare.
 
Di riccardo (del 16/05/2014 @ 18:16:21, in Lettera E, visto n. 687 volte)
o gravidanza ectopica: gravidanza in cui l'embrione si impianta al di fuori della normale sede uterina. L'incidenza è di 1 su 200 gravidanze circa e nel 98% dei casi l'impianto avviene a livello delle tube (gravidanza tubarica), il cui lume è tuttavia troppo ristretto per accogliere un sacco gestazionale in via di sviluppo: si ha così aborto o rottura tubarica. La gravidanza ovarica è un evento raro, che evolve di solito verso un aborto precoce, con emoperitoneo. Molto raramente una gravidanza extrauterina si impianta in un'area meno consueta della cavità uterina: si parla di gravidanza angolare, quando l'uovo fecondato si annida a livello dell'angolo utero-tubarico, e di gravidanza cervicale quando l'annidamento avviene a livello della mucosa del canale cervicale; entrambe si concludono con l'aborto, generalmente prima della 20 a settimana. Infine, si può avere una gravidanza addominale, anch'essa destinata a non proseguire (possibile ascesso e peritonite, con successiva mummificazione o calcificazione del feto). Nel caso della gravidanza tubarica, sono presenti i segni caratteristici della gravidanza accompagnati da dolori addominali e perdite ematiche. In genere verso il secondo mese si ha la morte dell'uovo (aborto tubarico), con aumento del dolore e metrorragia. In alcuni casi, come abbiamo già detto, l'aumento di volume dell'embrione provoca la rottura della tuba, con spandimento di sangue nella cavità peritoneale (emoperitoneo) e shock. Le gravidanze extrauterine rappresentano una importante causa di morbilità e mortalità materna. Le probabilità di avere una gravidanza extrauterina sono aumentate nelle donne con infertilità prolungata, malattia infiammatoria pelvica, sterilizzazione, precedente gravidanza extrauterina, intervento chirurgico sulle tube o nelle donne che sono portatrici di spirale o sottoposte a trattamento di fertilizzazione in vitro. La salpingectomia (asportazione della salpinge, cioè della tuba) viene utilizzata come trattamento standard. Recentemente, le diagnosi più precoci, prima dell'aborto tubarico o della rottura della tuba, con un esame ecografico e il dosaggio delle beta-hCG, hanno portato a un trattamento medico o laparoscopico che preservano la tuba.
 
Di riccardo (del 12/05/2014 @ 14:35:06, in Lettera E, visto n. 679 volte)
Detta anche etiologia, è la disciplina che studia i fattori implicati nella causa di diverse malattie e dei loro possibili rapporti di interdipendenza. Mentre alcune volte la condizione morbosa ha una sola causa che può essere ereditaria, infettiva ecc.), più spesso le cause per le quali un individuo si ammala sono molteplici e vengono distinte in determinanti e coadiuvanti (o favorenti). E' detta disposizione la generica suscettibilità di un organismo a contrarre determinate malattie. Quando invece è presente un’abnorme tendenza dell’organismo a contrarre una malattia,si parla di predisposizione e di esposizione quando l’organismo stesso può risentire più facilmente di uno stimolo dannoso. La patogenesi ossia lo studio del meccanismo d’azione delle cause morbose, è connessa all'eziologia. La diagnosi eseguita in base all'eziologia precisa l’agente causale di una malattia; Per rimuovere o combattere la causa di uno stato morboso, si ricorre invece alla terapia eziologica.
 
Di Viola Sinismagli (del 29/03/2011 @ 17:31:28, in Lettera E, visto n. 855 volte)
Lo studio delle cause di una patologia.
 
Di riccardo (del 12/05/2014 @ 14:47:48, in Lettera E, visto n. 713 volte)
Detta anche etiopatogenesi, è la disciplina che studia le cause, l'eziologia e i processi patologici che provocano una malattia. L'eziopatogenesi può essere di diversi tipi: certa(determinabile con esattezza); multifattoriale (che può essere ricondotta a diversi fattori), incerta, sconosciuta o misconosciuta.
 
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< dicembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate