Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di riccardo (del 11/03/2014 @ 18:09:12, in Lettera I, visto n. 700 volte)
Detto anche timpanometria è un'indagine impedenzometrica acustica, originata negli anni ’40 dagli studi di Metz, che consente di identificare e valutare le ipoacusie di trasmissione e di studiare la funzionalità della tuba di Eustachio. Questa tecnica audiometrica obiettiva consente di misurare l’impedenza acustica ovvero la cedevolezza (compliance) del sistema timpano – ossiculare in rapporto ad una pressione esercitata sulla membrana del timpano. Rappresenta pertanto un’indagine dinamica della motilità del timpano e della catena degli ossicini e consente al contempo una valutazione obiettiva del valore della pressione aerea dell’orecchio medio. La curva timpanometrica normale (tipo A) si caratterizza per: morfologia a campana picco situato sullo 0 pressorio o in corrispondenza di valori debolmente positivi o negativi. altezza nel range di normalità
 
Di riccardo (del 11/03/2014 @ 18:15:21, in Lettera I, visto n. 749 volte)
Strumento che consente di identificare e valutare le ipoacusie di trasmissione e di studiare la funzionalità della tuba di Eustachio. E'costituito da una sonda da inserire, a perfetta tenuta (tramite tappi di gomma o materiale sintetico), nel condotto uditivo esterno dell’orecchio da esaminare. La sonda è dotata di tre tubicini: uno per l’invio dell’onda sonora (tono sonda 220 Hz, 65 dB); un secondo tubicino collegato ad un microfono che filtra, amplifica ed invia ad un voltmetro (misuratore di tensione) l’energia sonora riflessa dalla membrana timpanica consentendone una valutazione quantitativa; il terzo tubicino è collegato ad un elettromanometro e a una pompa che consente di variare la pressione esistente nel meato acustico esterno.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 25/01/2011 @ 15:35:22, in Lettera I, visto n. 1310 volte)
Dermatite causata da Streptococcus pyogenes e a volte anche da Staphylococcus aureus. Appartiene al gruppo delle piodermatiti. Colpisce soprattutto neonati, bambini e giovani, in special modo in estate, è contagiosa e si trasmette per contatto diretto o mediato (asciugamani etc). Compare frequentemente nelle regioni di viso e collo. Può essere localizzata anche sul cuoio capelluto ad esempio in seguito a una pediculosi. È caratterizzata da una eruzione cutanea di vescicole di pochi millimetri di diametro; quando le lesioni si rompono fuoriesce una secrezione sieropurulenta di colorito paglierino, che, una volta seccata origina croste stratificate, di colore giallo che poi cadono spontaneamente senza lasciare cicatrici. La terapia è locale nelle forme localizzate e a base di soluzioni antisettiche e antibiotiche; nelle forme estese o resistenti si somministrato antibiotici per via sistemica.
 
Di riccardo (del 07/03/2014 @ 18:27:25, in Lettera I, visto n. 802 volte)
Forma farmaceutica per uso esterno che consiste in un impasto solido, che presenta un punto di fusione sufficientemente basso, così da rammollire senza sciogliersi attraverso il contatto del corpo umano, e dotato di un forte potere adesivo. Normalmente viene usato spalmato su supporti di tela o di plastica spesso bucherellata, per far respirare la pelle su cui aderisce.
 
Di dr.psico (del 08/09/2007 @ 12:33:45, in Lettera I, visto n. 1345 volte)
In genere il termine è riferito alla condizione maschile. L'impotenza si manifesta con la mancanza dell'erezione per cause fisiche (disturbi cardiaci, ipertensione, fumo, alcol e droghe) o psicologiche. L'erezione del pene è un fenomeno fisiologico che si origina dall'interazione di stimoli nervosi, modifiche circolatorie, fattori psicologici e livelli ormonali. Dal cervello partono gli impulsi che innescano una maggiore irrorazione sanguigna dei corpi cavernosi del pene con conseguente indurimento e aumento delle dimensioni. In Italia soffre di impotenza il 12% della popolazione maschile. Il 20% ca. dei soggetti che ne soffrono ha fra i 50 e i 54 anni, mentre il 60% supera i 75 anni. Recentemente si è introdotto l'uso di farmaci per la cura dell'impotenza con buoni risultati se il meccanismo di base dell'erezione è conservato. Spesso si tratta di cure sintomatiche che possono dare una risposta erettile a breve (apomorfina, venti minuti ca.) o a medio termine (un'ora, sildenafil). Viagra Nome commerciale del farmaco a base di sildenafil immesso nel 1998 sul mercato per la cura dell'impotenza. Il medicinale si è dimostrato efficace (percentuale di successo del 50% ca.). Sono stati confermati anche gli effetti collaterali (mal di testa, dispepsia, vampate di calore con percentuale che varia dal 6 al 18% a seconda del disturbo). In chi fa uso di nitrati sono stati segnalati bruschi cali pressori e casi di morte in cardiopatici (49 per milione). A differenza dell'apomorfina che agisce a livello centrale, opera a livello locale (non è efficace nell'impotenza con cause neurologiche) in tempi medi (un'ora ca.). I successori Dopo il successo del Viagra, altre case farmaceutiche hanno prodotto molecole simili: il tadalafil (nome commerciale Cialis, dovrebbe avere una durata più lunga del Viagra, passando da 3-4 ore ad almeno una quindicina) e il vardenafil (nome commerciale Levitra). Apomorfina Farmaco per la cura dell'impotenza che dà una risposta erettile in una ventina di minuti, stimolando opportuni recettori cerebrali. A differenza del sildenafil (Viagra) che agisce a livello locale, opera quindi sul sistema nervoso centrale ed è efficace anche nell'impotenza di natura neurologica.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 25/01/2011 @ 15:53:02, in Lettera I, visto n. 889 volte)
Espressione che indica un processo biologico riprodotto in laboratorio al di fuori dell'organismo vivente. In contrapposizione a in vivo.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 25/01/2011 @ 15:55:09, in Lettera I, visto n. 746 volte)
Espressione che indica lo studio compiuto su tessuti o organismi viventi. In contrapposizione a in vitro.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< dicembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate