Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di medicinasalute (del 05/07/2012 @ 19:53:26, in Lettera L, visto n. 819 volte)
È un medicinale inibitore nucleosidico della trascrittasi inversa. Trova impiego contro virus HIV per rallentare l'AIDS; in genere però la terapia non è sufficiente per cui viene associato ad altri farmaci come la zidovudina per ridurre l'insorgenza di resistenza al farmaco. È stato studiato anche un suo possibile utilizzo come terapia per l’epatite cronica di tipo B. Pancreatite, miopatie e neuropatie periferiche possono essere i possibili effetti collaterali
 
Di medicinasalute (del 05/07/2012 @ 19:54:50, in Lettera L, visto n. 706 volte)
È un medicinale ad azione antipilettica, trova impiego nel trattamento della sindrome maniaco-depressiva; ritarda le ricadute depressive. Nausea insonnia e sonnolenza possono essere gli effetti collaterali
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 10/01/2011 @ 14:46:34, in Lettera L, visto n. 935 volte)
Strumento utilizzato per la valutazione clinica dell’occhio, che permette l’osservazione stereoscopica dei tessuti oculari. È costituito da un microscopio, fornito di un sistema di illuminazione e di uno di sostegno. Viene utilizzata per visualizzare gli annessi, gli strati corneali, la camera anteriore, l’iride, il cristallino e il corpo vitreo anteriore. Con lenti aggiuntive si può valutare anche il vitreo centrale e posteriore, il fundus e l’angolo irido-camerulare.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 10/01/2011 @ 15:06:26, in Lettera L, visto n. 2348 volte)
O miopatia facio-scapolo omerale, descritta da Landouzy e Dejerine nel 1884. È una forma di distrofia muscolare progressiva, tra le più benigne come prognosi. È una malattia a carattere autosomico dominante, legata a un’alterazione di un gene localizzato sul cromosoma 4. Interessa in modo uguale i due sessi, ne è affetta circa una persona su 100.000. Si manifesta inizialmente con con ipotrofia dei muscoli del volto (viso inespressivo, riso trasversale, incompleta chiusura degli occhi, appiattimento delle guance, eversione del labbro inferiore). Poi si ha una compromissione dei muscoli fissatori della spalla con scollamento del bordo inferiore della scapola che appare lateralizzata e sopraelevata quando si è a riposo, mentre durante l’abduzione delle braccia tende a sporgere al di sopra delle spalle ai due lati del collo. In seguito la malattia progredisce con compromissione dei muscoli bicipite e tricipite e brachio-radiale. Esistono inoltre varietà topografiche diverse, che si distinguono dal quadro sopra descritto per la compromissione elettiva di gruppi muscolari differenti. La più comune è la miopatia di Landouzy-Dejerine con compromissione peroneale, o ancora quella scapolo-peroneale. Per quanto riguarda la diagnosi, gli esami complementari sono di scarso aiuto in quanto gli enzimi muscolari nel siero sono per lo più normali, eccetto un aumento, a volte importante, della creatina chinasi, e le alterazioni elettromiografiche di tipo miogeno sono discrete. La biopsia muscolare può risultare normale o mostrare piccole fibre arrotondate a distribuzione diffusa per atrofia selettiva delle fibre di tipo I. Le tecniche di genetica molecolare sono volte, in questo caso, a determinare la lunghezza del frammento EcoRI sul braccio lungo del cromosoma 4 (nei pazienti con distrofia facio-scapolo-omerale, tale frammento è più breve). La terapia è sintomatica e prevede fisioterapia.
 
Di medicinasalute (del 05/07/2012 @ 19:55:28, in Lettera L, visto n. 661 volte)
È una forma di distrofia muscolare.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 10/01/2011 @ 17:07:57, in Lettera L, visto n. 888 volte)
Paralisi flaccida e anestesia totale ascendente che colpisce prima i muscoli degli arti inferiori, per poi propagarsi a quelli del tronco, agli arti superiori e al collo. L'interessamento dei muscoli della deglutizione e della respirazione mette in grave pericolo di vita. Si può osservare in corso di poliomielite, mieliti diffuse virali e altre patologie nervose.
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 10/01/2011 @ 17:14:09, in Lettera L, visto n. 861 volte)
vedi sindrome di Down.
 
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (506)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (347)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (314)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< dicembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate