Long Covid, studio sull’uso della cannabis

Il cannabidiolo potrebbe avere un effetto positivo

Varie_3008.jpg

In Brasile sta per partire uno studio per verificare l’efficacia del cannabidiolo – uno dei principi attivi della cannabis – nel trattamento del Long Covid. La sperimentazione verrà organizzata dagli scienziati dell’Instituto do Coração (Incor).
Long Covid è l’espressione utilizzata per identificare una condizione di disagio persistente successiva alla guarigione dalla malattia causata da Sars-CoV-2. In una percentuale non irrilevante di persone, infatti, per settimane o addirittura mesi si manifestano sintomi più o meno intensi e invalidanti.
In molti casi, si tratta di un effetto dell’esagerata risposta immunitaria che provoca uno squilibrio nella produzione di alcune proteine del sistema di difesa del nostro corpo. Edimar Bocchi, coordinatore del nuovo studio dell’Incor, definisce questa reazione “tempesta infiammatoria”.
Il cannabidiolo è il principio attivo della cannabis che ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, cannabidiolo, cannabis,

<-- #include virtual="../4strokevideo.inc" -->

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 95074 volte