Malati di Alzheimer, ma senza sintomi

Alcuni pazienti beneficiano di un’iperattivazione dei geni MEF2

Morbo di Alzheimer_5574.jpg

Una famiglia di geni – MEF2 – è strettamente collegata a un’evoluzione benigna del morbo di Alzheimer. Lo dimostra uno studio del Massachusetts Institute of Technology pubblicato su Science Translational Medicine.
"Stiamo imparando a conoscere sempre più a fondo gli elementi che proteggono la funzione del cervello", spiega Li-Huei Tsai, direttore del Picower Institute for Learning and Memory al Mit e co-autore del lavoro. "Comprendere questi meccanismi di resilienza potrebbe essere utile per progettare nuovi interventi terapeutici o di prevenzione del declino cognitivo e delle demenze associate alla degenerazione cerebrale".
Gli scienziati del Mit hanno analizzato in parallelo i cervelli di esseri umani e topi cercando correlazioni interessanti. In entrambi i casi è emerso il ruolo fondamentale della famiglia MEF2, geni correlati all’ottimizzazione dei benefici derivanti dall’esercizio ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Alzheimer, sintomi, MEF2,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 184391 volte