Studiare il tumore cerebrale con il virus Sendai

I “quantum dots” usati per una diagnosi precisa

Il virus Sendai si è dimostrato un vettore eccezionale per i Quantum dots (Qdots); lo afferma una ricerca pubblicata sul Journal of Nanobiotechnology che evidenzia come un tumore cerebrale possa essere studiato grazie a queste nuove metodiche. I Qdots trasportati da proteine virali si legano ai recettori dei fattori di crescita tumorali (EGFR). Grazie a questo modo di targare le cellule sarà possibile studiare meglio i tumori cerebrali e i trattamenti terapeutici. I Qdots sono corpuscoli fluorescenti, con dimensioni inferiori ai virus capaci di legarsi alle molecole organiche, fino ad oggi non si era riusciti ad utilizzarli senza effetti collaterali. Maribel Vazquez, primo autore dello studio, ha spiegato "Mentre le cellule dispongono di meccanismi di difesa complessi per proteggersi contro gli attacchi, i virus si sono evoluti per ingannare la cellula, noi non abbiamo fatto altro che ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: quantum, dots, neuroni, luce,

Notizie correlate


Un nuovo target terapeutico per il glioblastoma Un meccanismo molecolare inibisce la risposta immunitaria





I progestinici aumentano il rischio di cancro al cervello Alcuni farmaci sembrano legati a un aumento delle probabilità





Le Car-T per il glioblastoma Nuova speranza per i pazienti che soffrono di questo tumore





Cancro al cervello, traumi cranici come fattori di rischio Ma solo quelli di grado moderato o grave





Nuova diagnosi non invasiva del glioblastoma La chiave è nella densità delle fibre della sostanza bianca





Nuove cure possibili per il medulloblastoma Possibilità inedite per la malattia resistente alla chemioterapia





Tumori cerebrali, l'AI migliora la diagnosi Studio apre la strada all'utilizzo di metodi innovativi





Glioblastoma, efficace la terapia con campi elettrici Ttfields sembra aumentare la sopravvivenza





Nuovo farmaco per il glioblastoma Proteina ricombinante umana si dimostra efficace





Nuova diagnosi non invasiva per il glioblastoma Basato sulla densità delle connessioni cerebrali





Glioblastoma, perché l'immunoterapia non funziona Studio americano fa luce sui motivi dell'inefficacia





Glioblastoma, una speranza da Temferon Concessa la designazione di farmaco orfano





Glioblastoma, l'alterazione che lo rende aggressivo Il ruolo del gene TERT nel tumore cerebrale





Vorasidenib per la cura del glioma Aumenta la sopravvivenza per i pazienti con mutazione del gene IDH





Glioblastoma, terapia combinata aumenta la sopravvivenza Virus oncolitico e immunoterapia per combattere il cancro





Cancro, ultrasuoni alleati della chemioterapia Facilitano il passaggio dei farmaci nella barriera emato-encefalica





Neuroncologia di precisione per i gliomi Intervenire in maniera precoce grazie all'analisi molecolare





Nuova cura per il medulloblastoma pediatrico Migliora l'attività dei macrofagi sul tumore





L'Intelligenza Artificiale contro il cancro Sphinks per terapie di precisione sui tumori