• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 51 a 60 DI 250

    19/11/2007 

    Rischio depressione col farmaco dimagrante
    Un farmaco dimagrante a base di rimonabant, già finito sotto esame delle autorità di controllo per alcuni problemi psichici, sembra causare stati d'ansia e depressione. L'allarme proviene da uno studio sulla rivista Lancet condotto da Arne Astrup dell'Università di Copenhagen. L'indagine ha fornito risultati preoccupanti, soprattutto perchè le oltre 41000 persone arruolate erano state scelte tra quelle prive di tendenza a depressione, e quindi meno suscettibili a quel tipo di disagio psichico. ... (Continua)

    03/12/2007 

    Pet therapy positiva per i malati di Alzheimer
    La pet therapy, ovvero la terapia diretta a soggetti con handicap, il cui scopo è di eliminare uno stato di malattia o ridurne gli effetti negativi sulla salute e più in generale di migliorare la qualità della vita e lo stato generale di benessere, ha effetti benefici anche sui malati di Alzheimer. In particolare la presenza di animali domestici si riflette positivamente su alcuni parametri comportamentali e cognitivi dei pazienti affetti da Alzheimer ricoverati presso strutture ospedaliere. ... (Continua)

    19/12/2007 
    Più alto è più sano
    Un recente studio danese afferma che la statura influenza la percezione della propria salute, sia sul piano fisico che mentale.
    Alla domanda “come stai”, probabilmente le persone alte risponderebbero più frequentemente “bene”, mentre quelle basse si sentirebbero più pessimiste circa la qualità della loro vita. Il curioso studio è stato pubblicato nella rivista Clinical Endocrinology, ed è stato guidato da Torsten Christensen della Novo Nordisk, in Danimarca. La ricerca ha considerato i ... (Continua)
    21/01/2008 

    Il cellulare peggiora il sonno
    L'uso del telefono cellulare prima di andare a letto fa sì che la persona impieghi di più a raggiungere le fasi più profonde del sonno e vi resti meno del normale. Le radiazioni prodotte dai telefoni cellulari ritardano e riducono il sonno, secondo una ricerca compiuta in parallelo in Svezia e negli Stati Uniti, sponsorizzata da alcune compagnie di telefonini. Altri effetti collaterali possono essere mal di testa e confusione mentale.
    Questo crea delle difficoltà nel recuperare le energie ... (Continua)

    22/02/2008 
    Una proteina per migliorare il livello cognitivo
    La serotonina, neurotrasmettitore cerebrale, è coinvolta nella regolazione del sonno, nei processi cognitivi, negli stati ansiosi depressivi e recentemente anche nell’epilessia.
    Disturbi del sonno e conseguenti risvolti comportamentali, sono collegati ad una diminuita sintesi cerebrale di serotonina. L’unico precursore della serotonina è il triptofano, ammino acido essenziale, che compete con un gruppo di ammino acidi, i large neutral amino acids (LNAAs: tiroxina, valina, leucina, ... (Continua)
    25/02/2008 

    Prevenzione contro gli attacchi di panico
    Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente dell’EURODAP, Associazione Europea Attacchi di Panico e Direttore dell’Unità Italiana Attacchi di Panico presso la Clinica Paideia di Roma è circondata da, come li ha ribattezzati lei, “dappisti” (da DAP, Disturbi da Attacchi di Panico). Cura uomini e donne per i quali la vita è resa impossibile dal panico e il numero di questi malati sta crescendo vertiginosamente.
    “Il momento socio-politico-economico sta inesorabilmente producendo i suoi ... (Continua)

    06/03/2008 

    Automedicazione dei disturbi femminili
    Sono molteplici i disturbi comuni al gentil sesso che possono compromettere lo svolgimento delle attività quotidiane. Tra i disturbi femminili che possono influire sulla qualità di vita sono molti i casi che possono essere riconosciuti e trattati autonomamente in modo responsabile e sicuro, ricorrendo all’utilizzo dei farmaci di automedicazione che in queste situazioni svolgono un ruolo fondamentale poiché forniscono una risposta pratica per fronteggiare il disturbo. I farmaci di ... (Continua)

    06/03/2008 

    Cerotti di idrocolloide come seconda pelle
    Il ricorso ai cerotti come primo intervento quando ci sono piccole lesioni della pelle coinvolge il 76% degli italiani che, nella metà dei casi si avvalgono di semplici cerotti tradizionali, mentre nell’altra metà preferiscono le maggiori garanzie offerte dai cerotti specifici e curativi - come conferma l’indagine demoscopica. Tra le caratteristiche richieste ai cerotti ‘seconda pelle’ ci sono la quasi invisibilità (74%), la perfetta aderenza alla pelle (63%), la morbidezza (26%), la comodità e ... (Continua)

    17/03/2008 
    Dagli Usa un farmaco anti depressione
    Disturbi del sonno, una ridotta qualità della vita, un’elevata compromissione funzionale e un significativo negativo impatto sulla vita di relazione, sono questi i fenomeni dovuti alla depressione, una patologia che causa soprattutto stanchezza di vivere. Ancora oggi una parte considerevole dei pazienti non risponde alla terapia farmacologica disponibile, la comparsa dell’effetto terapeutico è lenta e spesso permangono sintomi residui e di risposta incompleta, elementi predittivi di recidive e ... (Continua)
    09/04/2008 
    Cellulari in aereo, strada per la depressione
    “Ora che i telefonini si potranno usare anche sugli aerei arriveremo più velocemente ad essere un popolo di depressi e infelici”. Lo dice Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, Presidente dell’EURODAP, Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico e Direttore dell’Unità Operativa Attacchi di Panico presso la Clinica Paideia di Roma.
    “La dipendenza dal telefonino è ormai diventata totale - afferma la Vinciguerra - e questo atteggiamento spiega cosa ci sta accadendo. Oggi l’uomo si serve ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale