• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 81 a 90 DI 250

    28/11/2008 16:45:05 

    Gli anziani depressi rischiano l’ictus
    Gli anziani che soffrono di depressione rischiano l’ictus. Sono queste le conclusioni alle quali è giunto lo studio condotto dai geriatri dell’Università di Palermo su 15 pazienti di età compresa fra i 66 e gli 80 anni. I dati ottenuti mostrano che si è registrato un tasso di incidenza maggiore di eventi cerebrovascolari acuti in pazienti con depressione severa, con lieve compromissione cognitiva e declino funzionale.
    Lo studio ha evidenziato come una grave situazione depressiva in pazienti ... (Continua)

    02/02/2009 17:38:53 
    Essere non credenti raddoppia il rischio di suicidio
    È proprio vero che la fede in Dio salva la vita dell'uomo: non solo quella spirituale, ma anche quella fisica.
    Questo è quanto afferma una ricerca scientifica condotta dal dipartimento di psichiatria dell'Università del Manitoba, secondo la quale le persone che coltivano una fede religiosa hanno probabilità di suicidio dimezzate rispetto a chi dichiara di non credere in Dio.
    La conclusione sull'influenza del proprio credo religioso nella decisione di non “farla finita” è stata tratta dal ... (Continua)
    03/02/2009 12:21:59 

    Un carattere aggressivo protegge dall'obesità
    L'obesità colpisce particolarmente chi è depresso, ha subito molti stress e sconfitte sociali e non ha raggiunto una posizione economica e personale soddisfacente.
    Al contrario, chi è dotato di un carattere più aggressivo e determinato, oltre a raggiungere più spesso e rapidamente i propri obiettivi, gode di una protezione maggiore dai chili di troppo, a parità di alimentazione e calorie ingerite, rispetto a chi si abbatte più facilmente e non gode di uno status sociale elevato.
    Queste ... (Continua)

    06/02/2009 13:39:48 

    Donne con papillomavirus azzerano sesso nella coppia
    Sono ben il 15% delle nostre connazionali le donne che riducono a zero i rapporti sessuali col proprio partner in seguito a una diagnosi di HPV (il papillomavirus umano).
    Un Pap test positivo rischia di mandare in crisi perfino i rapporti più solidi e duraturi, anche in seguito al riscontro medico di un condiloma, lesione benigna delle parti intime causata dai ceppi 6 e 11 del papillomavirus. Tra lui e lei, di fronte a un rifiuto sotto le lenzuola, si instaura un clima di sospetto, di ... (Continua)

    16/02/2009 15:20:03 

    Computer e ansia causano dolore al collo
    Vi capita di soffrire di terribili torcicollo o di dolori articolari? La colpa potrebbe essere di un uso eccessivo e/o scorretto del pc, che può causare o aggravare i dolori cervicali.
    Lo affermano alcuni studiosi sudafricani, che hanno chiesto ad alcuni studenti di stare per ore seduti davanti allo schermo di un computer: il numero di coloro che lamentavano dolori al collo aumentava di pari passo all'incremento del tempo trascorso di fronte al pc nel corso di una settimana, come ha ... (Continua)

    27/02/2009 11:12:13 

    Chi lavora troppo rischia la demenza
    Lavorare troppo fa male. Questa convinzione popolare, fortemente radicata negli scansafatiche, sembra ora trovare una conferma scientifica in uno studio finlandese.
    Una ricerca del Finnish Institute of Occupational Health, pubblicata sull'American Journal of Epidemiology, indica infatti che chi trascorre troppe ore in ufficio va incontro a seri rischi di demenza: non sono più, dunque, solo lo stress, la stanchezza e le posture sbagliate le conseguenze di un orario lavorativo troppo ... (Continua)

    03/03/2009 11:25:20 

    Bambini tristi a rischio malattie da adulti
    Un'infanzia trascorsa nella tristezza può avere serie ripercussioni sulla salute nella vita adulta.
    I bambini che sono tristi, poco interessati alla vita scolastica e sociale, che tendono a tenere il muso, hanno maggiori probabilità di diventare adulti con acciacchi, disabilità e malattie varie rispetto ai loro coetanei più felici e allegri.
    Lo sostiene una ricerca del King's College di Londra che ha monitorato 1700 individui tra il 1950 e il 1955 ad Aberdeen.
    Gli studiosi hanno ... (Continua)

    10/03/2009 
    Il disturbo da alimentazione incontrollata (BED)
    Le problematiche legate al comportamento alimentare non si esauriscono nell'anoressia e nella bulimia, ma comprendono anche sindromi meno conosciute e altrettanto pericolose.
    Fra queste c'è il disturbo da alimentazione incontrollata, detto anche BED (Binge Eating Disorder), che colpisce circa il 30% degli individui obesi che rivolgono a uno specialista per iniziare una dieta. Il BED ha un tasso d'incidenza sulla popolazione generale compreso tra lo 0,7% e il 4%, ne soffrono più le don ne ... (Continua)
    10/03/2009 

    Gli ottimisti stanno meglio e vivono di più
    Le persone ottimiste vivono di più e più a lungo: lo conferma uno studio americano, presentato al congresso annuale dell'American Psycosomatic Society, che ha esaminato 100mila donne e messo in luce lo stretto legame esistente tra l'ottimismo e la riduzione del rischio di morte prematura e delle possibilità di essere colpiti da una cancro o da una malattia cardiaca.
    I ricercatori avevano selezionato nel 1994 un gruppo di donne, di cui facevano parte persone ottimiste e pessimiste: nove anni ... (Continua)

    18/03/2009 

    Fertilità: il ruolo chiave di una proteina del cervello
    Gli scienziati hanno scoperto il ruolo cruciale nel processo di ovulazione giocato da una piccola molecola di proteina presente nel cervello. È quanto riporta il “Journal of Neuroscience”, che pubblica i risultati di una ricerca condotta dall'Università di Otago, in Nuova Zelanda, e dall'Università di Cambridge, in Inghilterra.
    “Siamo di fronte a una scoperta che rappresenta la possibile chiave per nuove terapie contro l’infertilità o lo sviluppo di nuove contraccettivi naturali - afferma ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale