• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 1 a 10 DI 250

    15/02/2001 
    Una scia luminosa aiuta a combattere il melanoma
    Il melanoma viene fotografato e l’immagine che si forma sembra una cometa (lascia un alone giallo che circonda la lesione cutanea e una scia luminosa in direzione del linfonodo loco-regionale). Potrebbe essere un segno di metastasi già in atto: così pensava inizialmente l’équipe del prof. Aldo Di Carlo primario dermatologo del San Gallicano di Roma e responsabile del Servizio di teletermografia (attivo dal 1976). Dall’indagine istologica e immunoistochimica, è invece risultato che la scia o la ... (Continua)
    05/06/2001 
    Diabete: legame con dermatite atopica
    Il diabete di tipo I e la dermatite atopica sembrano essere inversamente associati dal punto di vista immunologico. E' stato dimostrato da uno studio caso-controllo danese. I ricercatori hanno constatato che circa il 66% dei bambini colpiti da dermatite atopica presenta reazioni allergiche mediate dalle IgE con forte produzione di Ifn gamma e IL-4. Questa risposta immunitaria viene definita Th2, mentre quella associata al diabete di tipo I è di tipo Th1. Le risposte Th1 e Th2 sono però legate ... (Continua)
    25/07/2001 

    Cresce rischio cardiovascolare con albuminuria 'alta'
    Con un tasso elevato di albumina nelle urine cresce il pericolo di rischi cardiovascolare, soprattutto sia nelle persone con diabete che nelle persone non diabetiche. E questo indipendentemente dalla presenza di microalbuminuria. A dimostrarlo sono alcuni ricercatori dell'Università McMaster di Hamilton (Ontario) che hanno osservato 5.545 pazienti con precedenti di patologia cardiovascolare e 3.498 con diabete e almeno un fattore di rischio cardiovascolare. La microalbuminuria (rapporto ... (Continua)

    17/10/2001 
    I diversi tipi di artrite
    Artrite infettiva: infezione localizzata ai tessuti molli dell'articolazione. I microrganismi responsabili della malattia possono penetrare dall'esterno, attraverso una ferita, oppure possono raggiungere l'articolazione da un altro punto di infezione del corpo, seguendo il circolo sanguigno o linfatico.
    Si possono distinguere artriti acute e artriti croniche. Le artriti acute sono piuttosto frequenti, provocate nella maggior parte dei casi da batteri piogeni, quali stafilococco aureo, ... (Continua)
    29/11/2001 
    La sciatalgia
    Si indica così in medicina il dolore localizzato nelle zone vicine al nervo sciatico o alle sue diramazioni. Il nervo sciatico è il più lungo del corpo umano e il suo spessore raggiunge la dimensione di un dito; è formato dalle radici nervose che escono dal midollo spinale a livello delle vertebre lombari e delle vertebre sacrali.
    Il nervo raggiunge la regione glutea e scende verticalmente lungo la faccia posteriore della coscia; nella parte posteriore del ginocchio si divide in due ... (Continua)
    21/03/2002 

    Ipertensione: Losartan batte Atenolo per le complicanze
    La terapia standard contro l'ipertensione, vale a dire la combinazione di beta-bloccante (Atenolo) e diuretici è in grado di controllare efficacemente l'ipertensione, ma la terapia con l'antagonista del recettore 1 (Losartan) pare meglio riuscire nella cura delle complicanze cardiovascolari che possono essere infarto o ictus.
    A dimostrare tale superiorità sono stati Bjorn Dahlof e colleghi dell'Ostra University Hospital, in Svezia, dalle cui ricerche ha visto la luce lo studio Life ... (Continua)

    28/06/2002 

    Parto: la ''guerra dei sessi" è genetica
    E' genetica la ''guerra dei sessi'', almeno secondo uno studio, pubblicato sulla rivista Nature, secondo cui la competizione tra i geni maschili e femminili è scritta anche nel peso dei bambini alla nascita.
    Ricercatori dell'Università di Cambridge, nel Regno Unito sostengono infatti che la crescita fetale è regolata da un fenomeno chiamato ''impronta genetica'' che controlla l'espressione dei geni del feto in base alla loro origine paterna o materna.
    Dal padre in particolare ... (Continua)

    20/11/2003 

    Cos'è il diabete: i fattori di rischio e le regole d'oro
    Il diabete (meglio definito come diabete mellito) è la più comune tra le malattie metaboliche ed è caratterizzata da una condizione di iperglicemia, in altre parole un aumento del glucosio nel sangue. In pratica, ci si ammala di diabete quando il corpo non è più capace di utilizzare lo zucchero presente nel sangue (glucosio) e lo accumula alzando la glicemia. In Italia una persona su tre sopra i 40 anni è a rischio diabete.

    Diabete mellito di tipo 1
    E’ caratterizzato ... (Continua)

    27/11/2003 
    La Sindrome del Tunnel Carpale
    La Sindrome del Tunnel Carpale è la neuropatia più frequente ed è dovuta alla compressione del nervo mediano al polso nel suo passaggio attraverso il tunnel carpale.

    Il tunnel carpale è un canale localizzato al polso formato dalle ossa carpali sulle quali è teso il legamento traverso del carpo, un nastro fibroso che costituisce il tetto del tunnel stesso,inserendosi, da un lato, sulle ossa scafoide e trapezio e dall'altro sul piriforme ed uncinato (ossa del carpo della mano). In ... (Continua)
    15/12/2003 

    Aterosclerosi: è un’infezione la causa della malattia
    L'aterosclerosi è una malattia molto diffusa nel mondo occidentale che colpisce le arterie, è responsabile di un numero elevato di morti, ed è la prima causa di disabilita' e mortalita' nel mondo. E’ caratterizzata dal fatto che le arterie colpite hanno un calibro ridotto e quindi il flusso di sangue che può arrivare ai diversi organi risulta diminuito. Le conseguenze possono essere diverse in relazione agli organi colpiti: infarto miocardio, ictus, dolore agli arti inferiori. La ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale