• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 1 a 10 DI 250

    15/03/2001 
    Pericolo radioterapia per la funzione endotelio vascolare
    La radioterapia esterna somministrata per il trattamento delle neoplasie, provoca un'alterazione della capacità vasodilatativa dell'endotelio vascolare della zona irradiata, secondo quanto dimostrato da ricercatori americani. In particolare, spiegano gli autori, questa alterazione può aumentare il rischio di malattie arteriosa occlusive (infarto, ictus o aterosclerosi). Gli specialisti hanno studiato 16 donne, per 3 anni, dopo la somministrazione di una radioterapia per carcinoma mammario, e 10 ... (Continua)
    25/07/2001 

    Cresce rischio cardiovascolare con albuminuria 'alta'
    Con un tasso elevato di albumina nelle urine cresce il pericolo di rischi cardiovascolare, soprattutto sia nelle persone con diabete che nelle persone non diabetiche. E questo indipendentemente dalla presenza di microalbuminuria. A dimostrarlo sono alcuni ricercatori dell'Università McMaster di Hamilton (Ontario) che hanno osservato 5.545 pazienti con precedenti di patologia cardiovascolare e 3.498 con diabete e almeno un fattore di rischio cardiovascolare. La microalbuminuria (rapporto ... (Continua)

    25/01/2002 
    Una cura per la demenza vascolare
    Al II congresso internazionale sulla demenza vascolare di Salisburgo, in Austria, è stato presentato uno studio inedito sull’uso di 'Aricept' (donepezil idrocloruro).
    Si sono diffusi i dati relativi ad uno studio che dimostra come l’impiego di Aricept rispetto a placebo migliori significativamente la funzione cognitiva e le funzionalità globali dei pazienti affetti da demenza vascolare (VaD). Lo studio della durata di 24 settimane, che ha incluso solo pazienti affetti da demenza ... (Continua)
    21/03/2002 

    Ipertensione: Losartan batte Atenolo per le complicanze
    La terapia standard contro l'ipertensione, vale a dire la combinazione di beta-bloccante (Atenolo) e diuretici è in grado di controllare efficacemente l'ipertensione, ma la terapia con l'antagonista del recettore 1 (Losartan) pare meglio riuscire nella cura delle complicanze cardiovascolari che possono essere infarto o ictus.
    A dimostrare tale superiorità sono stati Bjorn Dahlof e colleghi dell'Ostra University Hospital, in Svezia, dalle cui ricerche ha visto la luce lo studio Life ... (Continua)

    22/03/2002 

    Ramipril: efficace nei pazienti ad alto rischio ictus
    Rampril è un ACE-Inibitore che ha già dimostrato la sua efficacia nel ridurre la mortalità di pazienti ad elevato rischio di eventi cardiovascolari. Ora, ricercatori della McMaster University di Hamilton in Canada, grazie ad uno studio finanziato da Aventis Pharma e AstraZeneca hanno valutato l'efficacia del Rampril su pazienti ad alto rischio di ictus, anche prescindendo dai valori della pressione arteriosa.
    Le conclusioni della ricerca sono a favore di un trattamento con il ramipril, ... (Continua)

    31/05/2002 

    Piccolo intervento previene ictus nei sub
    A Milano è eseguito un intervento risolutivo che riduce il rischio di ictus nei sub che hanno un'anomalia al cuore molto diffusa.
    Un intervento di 30 minuti al massimo, 2 giorni di ospedale e nessun bisogno di convalescenza, per evitare 12mila ictus ogni anno: quelli che colpiscono i giovani, specie i sub, e sono legati a una particolare malformazione cardiaca. A eseguirlo sono 10 centri specializzati in tutta Italia, ma a vantare la casistica maggiore, con oltre 200 operazioni in 3 ... (Continua)

    03/07/2002 

    Proteina polverizza placche ateriosclerotiche nelle arterie
    Una proteina spazzina effetto immediato, in grado di ripulire le arterie di un terzo delle placche aterosclerotiche in soli 90 minuti.
    E' la apoA-I Milano, una lipoproteina appartenente alla famiglia delle Hdl (il cosiddetto colesterolo 'buono'), che riprodotta in laboratorio come farmaco di sintesi con la tecnica del Dna ricombinante, è stata testata su un gruppo di conigli (costretti a dieta grassa e resi aterosclerotici) da un'équipe di ricercatori dell'Università degli Studi di ... (Continua)

    11/07/2002 
    Batterio dell'ulcera allo stomaco aumenta rischio di ictus
    Un ceppo particolarmente potente del batterio che causa l'ulcera allo stomaco, può anche aumentare il rischio di ictus. Lo rivela uno studio italiano, coordinato da Antonio Pietroiusti dell'Università romana di Tor Vergata, pubblicato sulla rivista Circulation, la rivista dell'American Heart Association. Dall'indagine è emerso che molti pazienti con ictus causato dal restringimento delle arterie nel cervello erano infettati da un ceppo di Helicobacter pylori detto CagA-positivo. E questo in una ... (Continua)
    07/01/2003 
    Angioplastica più efficace di trombolisi per l'infarto
    L'angioplastica coronarica transluminale percutanea primaria e' piu' efficace della terapia trombolitica nella fase acuta dell'infarto con inversione del tratto ST. Questa la conclusione di una metanalisi pubblicata sulla rivista Lancet da ricercatori dell'University of Texas Southwestern Medical Center di Dallas.
    Gli specialisti hanno analizzato i dati di 7739 pazienti, considerando le informazioni rispetto a morte, infarto del miocardio non fatale e ictus. Rispetto alla trombolisi, ... (Continua)
    07/03/2003 
    Una proteina protegge il cervello dall'ictus
    Scoperta una proteina 'scudo' che protegge il cervello dai danni provocati dall'ictus. La novita' arriva dai ricercatori americani del 'Buck Institute for Age Research' di Novato, in California, che hanno individuato una proteina cerebrale, la neuroglobina, che agisce come l'emoglobina del sangue che trasporta l'ossigeno a tutto l'organismo. E secondo i ricercatori californiani, che hanno pubblicato la ricerca sui Proceedings of the National Academy of Sciences, la neuroglobina potrebbe giocare ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale