• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 11 a 20 DI 250

    23/05/2022 09:55:00 Migliaia di decessi per le principali patologie si possono evitare

    Aterosclerosi, troppo poche le prescrizioni di PCSK9
    Il colesterolo è uno dei principali fattori di rischio per malattie cardiovascolari. Per fortuna modificabile. Controllarne i livelli è fondamentale perché consente di tenere a bada la malattia coronarica, evitandone la progressione, particolarmente rapida in chi abbia già avuto un evento cardio-vascolare. “Ridurre il colesterolo – spiega il professor Paco Pignatelli, presidente della sezione regionale SIMI Lazio-Molise – vuol dire riuscire a rallentare la progressione dell’aterosclerosi, in ... (Continua)

    19/05/2022 12:20:00 Chi si immunizza contro l’influenza mostra un rischio inferiore anche di Covid

    Covid, anche il vaccino antinfluenzale è utile
    Si era già ipotizzato un effetto positivo del vaccino antinfluenzale sul rischio di contrarre e sviluppare una forma grave di Covid-19. Ora arriva una conferma dai ricercatori del Weill Cornell Medicine di Doha che hanno analizzato gli effetti del vaccino antinfluenzale su 30.000 operatori sanitari. È emerso che chi aveva ricevuto l’immunizzazione mostrava anche un 30% di possibilità in meno di infettarsi con il nuovo coronavirus e il 90% in meno di possibilità di sviluppare una forma grave di ... (Continua)

    12/05/2022 16:23:00 Alternarle a quelle tradizionali non ha effetti positivi

    Sigarette elettroniche e rischio cardiovascolare
    Il consumo combinato di sigarette tradizionali e sigarette elettroniche non ha l’effetto di ridurre il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari. Lo rivela uno studio pubblicato su Circulation da un team della Boston University School of Public Health.
    "Il fatto che il duplice uso, utilizzando sia sigarette tradizionali che sigarette elettroniche, abbia un rischio di malattie cardiovascolari simile al solo fumo di sigarette è una scoperta importante poiché molti americani stanno ... (Continua)

    11/05/2022 14:40:00 Più frequenti i sintomi associati a malattie cardiovascolari

    Covid-19 aumenta i rischi per il cuore
    Le persone risultate positive a Covid-19 sviluppano più frequentemente sintomi associati a malattie cardiovascolari (CVD) e, come risultato della situazione pandemica, ci si aspetta un aumento del peso di queste patologie a medio e lungo termine, accompagnato dall’ urgenza di rispondere ad un crescendo di bisogni insoddisfatti nella gestione di questi pazienti. A confermarlo è una nuova analisi indipendente condotta dall’Economist e sponsorizzata da Daiichi Sankyo Europa.
    Il rapporto “Links ... (Continua)

    02/05/2022 17:20:00 La possibile efficacia delle staminali da cordone ombelicale

    Ictus, le staminali possono aiutare a recuperare
    In Italia l’ictus è la seconda causa di morte, dopo le malattie ischemiche del cuore, è responsabile del 9-10% di tutti i decessi e rappresenta la prima causa di invalidità. Ogni anno si registrano nel nostro Paese circa 90.000 ricoveri dovuti all’ictus cerebrale, di cui il 20% sono recidive. Il 20-30% delle persone colpite da ictus cerebrale muore entro un mese dall’evento e il 40-50% entro il primo anno. Solo il 25% dei pazienti sopravvissuti ad un ictus guarisce completamente, il 75% ... (Continua)

    29/04/2022 Intervenire sugli impulsi nervosi per combattere l’aterosclerosi

    Le placche aterosclerotiche dialogano con il cervello
    Sono quelle che si cercano con l’ecodoppler delle carotidi: le placche aterosclerotiche. Formate da un accumulo di grassi, colesterolo, tessuto fibroso e cellule del sistema immunitario, rappresentano il segno distintivo dell’aterosclerosi, le cui conseguenze, dall’infarto all’ictus fino ai problemi vascolari periferici, costituiscono di fatto la principale causa di morte in età avanzata.
    Una nuova ricerca, che vede tra i principali protagonisti il Dipartimento di Angiocardioneurologia e ... (Continua)

    22/04/2022 12:30:00 Indicata per le persone con problemi motori neurologici

    Una tuta a elettrodi per riprendere a vivere
    Michele Tebaldi, 30 anni, è un ragazzo di Caldiero che fin dalla nascita soffre di una malattia cerebrale che prende il nome di Tetraparesi Distonica, una patologia che ha influenzato gravemente la sua motricità e la sua possibilità di comunicare con gli altri.
    “Nonostante tutto ho sempre cercato di vivere una vita ‘normale’ come quella di un qualsiasi altro ragazzo della mia età, battendomi per aprire nuove porte e opportunità per le persone come me, perché credo nei miei sogni e non mollo ... (Continua)

    15/04/2022 09:42:00 Nei pazienti già colpiti da infarto aumenta il rischio di nuovi eventi cardiaci

    L’insonnia aumenta i rischi per il cuore
    Riposare bene è prerequisito fondamentale per tutti, ma in particolare per chi ha subito un infarto o è stato sottoposto a intervento di by-pass o di posizionamento di uno stent.
    Lo segnala un nuovo studio pubblicato su Sleep Advances e presentato all’ESC Preventive Cardiology 2022. L’insonnia si tradurrebbe in un rischio aumentato del 16% di nuovi eventi cardiaci, una percentuale significativa ma comunque inferiore al 27% delle sigarette e al 21% della mancanza di attività fisica.
    "Il ... (Continua)

    13/04/2022 15:15:00 Correlazione fra mal di testa con aura e difetto cardiaco congenito

    L’emicrania e il buco nel cuore
    Uno studio del Centro Cardiologico Monzino e Università Statale di Milano, pubblicato oggi sul prestigioso Journal of American College of Cardiology Basic to Translational Science (JACC BTS), spiega per la prima volta il meccanismo fisiopatologico che correla l’emicrania con aura al difetto cardiaco congenito del Forame Ovale Pervio (PFO) - comunemente chiamato “buco nel cuore” - cioè la mancata chiusura totale alla nascita della comunicazione tra atrio destro e sinistro del cuore.
    Lo ... (Continua)

    08/04/2022 15:55:00 Si possono guadagnare oltre 4 anni di vita

    Smettere di fumare dopo un infarto
    La semplice interruzione del fumo fa guadagnare oltre 4 anni di vita ai soggetti colpiti da infarto. Lo sostiene uno studio coordinato dall’American University Medical Centre presentato all’ultimo incontro della Società Europea di Cardiologia.
    La ricerca ha analizzato i dati di 989 pazienti dai 45 anni in su che avevano continuato a fumare nei 6 mesi successivi a un infarto o a un intervento per l’impianto di stent o bypass.
    Allo scopo di prevenire altri eventi cardiaci, i pazienti erano ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 351.666.0911
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2023 Okmedicina Riproduzione riservata anche parziale