• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 171 a 180 DI 250

    13/10/2017 15:10:00 A un passo dalla sperimentazione con le staminali del sangue

    Editing del genoma cura rara malattia genetica
    Un gruppo di ricercatori dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica (SR-Tiget) di Milano ha messo a punto la road map per sperimentare l’editing del genoma per il trattamento di una grave malattia ereditaria, l’immunodeficienza severa combinata trasmissibile tramite cromosoma X (SCID-X1).
    L’editing del genoma consente di correggere le mutazioni direttamente sul gene malato, riscrivendone la sequenza tramite dei “bisturi molecolari”, ma non è stato ancora applicato ... (Continua)

    11/10/2017 14:30:00 Previene gli eventi cardiovascolari ma non si può interrompere l’assunzione

    Aspirina e cuore, rapporto complesso
    La terapia a base di aspirina a basse dosi per la prevenzione dei problemi cardiovascolari non deve essere interrotta. In tal caso, secondo uno studio dell’Università di Uppsala, in Svezia, il soggetto va incontro a un rischio maggiore della media di insorgenza di un nuovo infarto o ictus.
    Circa il 20 per cento delle persone sopravvissute a un infarto interrompe l’assunzione di aspirina nei primi 3 anni successivi, mentre problemi di aderenza alla terapia riguardano addirittura il 50 per ... (Continua)

    10/10/2017 Limitare a 50 grammi il suo consumo

    Lo zucchero è un killer
    Lo zucchero ha conseguenze amare sulla nostra salute. Anche in chi al momento si trova in perfetta forma. Lo dice uno studio pubblicato su Clinical Science da un team dell’Università del Surrey, nel Regno Unito.
    Gli scienziati inglesi hanno esaminato due gruppi di uomini con molti o pochi grassi a livello del fegato. I due gruppi, formati rispettivamente da 11 e 14 persone, hanno seguito un’alimentazione a bassi o alti livelli di zucchero per un periodo di 12 settimane.
    La prima dieta ... (Continua)

    22/09/2017 16:30:00 Prima terapia disponibile in Europa

    Arterite a cellule giganti, approvato Tocilizumab
    C’è finalmente un farmaco disponibile per il trattamento dell’arterite a cellule giganti. Si tratta di Tocilizumab, prodotto da Roche e approvato dalla Commissione europea.
    «Nell’arterite a cellule giganti (ACG), i vasi sanguigni della testa e del collo, così come l’aorta, si infiammano e si ispessiscono, riducendo il flusso ematico. Ciò può portare a sintomi devastanti, inclusa la cecità irreversibile, ed espone i pazienti al rischio di danno d’organo permanente», ha dichiarato Sandra ... (Continua)

    22/09/2017 Studio di fase III dimostra la sicurezza del farmaco

    Diabete, exenatide non aumenta il rischio cardiovascolare
    Exenatide non aumenta il rischio cardiovascolare e dimostra un consistente profilo di sicurezza nei pazienti affetti da diabete di tipo 2. Lo dimostrano i risultati completi dello studio EXSCEL presentati da AstraZeneca durante l’ultimo congresso della Società Europea per lo studio del diabete.
    I risultati sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine.
    Exenatide somministrato una volta alla settimana non aumenta l’incidenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE), un ... (Continua)

    14/09/2017 Migliora l’insulino-resistenza e la funzione delle cellule beta pancreatiche
    La vitamina D potrebbe prevenire il diabete di tipo 2
    La vitamina D esercita i suoi effetti anche al di fuori delle ossa, influenzando anche il metabolismo. Ernesto Maddaloni e colleghi, in uno studio presentato al congresso annuale dell’EASD in corso a Lisbona, sono andati a valutare l’effetto di una supplementazione di calcidiolo (una forma di vitamina D) sull’insulino-resistenza, sulla funzione delle cellule beta pancreatiche (quelle produttrici di insulina) e sui marcatori di infiammazione e di stress ossidativo nei soggetti con pre-diabete e ... (Continua)
    05/09/2017 16:45:00 I dati incoraggianti su canakinumab ed evolocumab

    Colesterolo e infiammazione, nuovi farmaci
    A Barcellona sono stati resi noti nuovi e interessanti dati sui farmaci canakinumab ed evolocumab per il trattamento dell’ipercolesterolemia e dell’infiammazione. A presentarli, i ricercatori presenti al Congresso della Società Europea di Cardiologia.
    I dati di canakinumab provengono dallo studio di fase III Cantos, che prevedeva l’iniezione trimestrale di canakinumab in soggetti colpiti in precedenza da infarto e aterosclerosi con componente infiammatoria. Il farmaco ha portato a una ... (Continua)

    04/09/2017 15:22:34 Non conta solo l’emisfero sinistro del cervello

    Recuperare il linguaggio grazie al midollo spinale
    Pensiamo e parliamo con il cervello, mentre il midollo spinale, l’altro componente del nostro sistema nervoso centrale, è deputato al controllo di movimenti che eseguiamo senza pensarci, come camminare, sederci, muovere una mano e tanti altri che compiamo ripetutamente ogni giorno.
    Ma uno studio apparso su Frontiers of Neurology e realizzato dalla Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma in collaborazione con l’Università di Napoli Federico II e l’Università degli Studi e l’ASST Santi e Paolo ... (Continua)

    04/09/2017 12:00:00 Effetto nocivo inaspettato e superiore rispetto ai grassi

    Al cuore non piacciono i carboidrati
    Meglio i grassi dei carboidrati. Sarebbe questa la conclusione di un vasto studio condotto su 135mila soggetti fra i 35 e i 70 anni presentato durante l’ultimo congresso europeo di cardiologia Esc.
    Lo studio PURE, pubblicato su The Lancet, sostiene che un’alimentazione ricca di carboidrati e a basso contenuto di grassi si associ a un maggior rischio di mortalità.
    «Le attuali raccomandazioni di limitare l’assunzione giornaliera di grassi a meno del 30% di energia totale e quella di grassi ... (Continua)

    26/08/2017 08:53:00 Dispositivo indossabile che facilita la riabilitazione

    Il guanto che aiuta a superare l'ictus
    Un guanto robotico intelligente e connesso alla rete che aiuta i pazienti nel processo di riabilitazione dopo un ictus. È ciò che ha messo a punto Hoyoung Ban, un ingegnere coreano di 38 anni.
    Il guanto va indossato nel corso della riabilitazione e aiuta nell'esecuzione di vari compiti, come lanciare una palla o bere un bicchiere d'acqua, gesti semplici che si trasformano in imprese improbe per molti pazienti. Il sistema denominato Rapael, verifica le abilità del paziente, l’analisi e la ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale