• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 212

    Risultati da 1 a 10 DI 212

    13/03/2001 
    Nuovo citotossico troxacitabina per curare leucemia
    La troxacitabina, un nuovo citotossico sviluppato da BioChem Pharma, è attivo nel trattamento delle leucemia avanzate. La molecola è il primo enantiomero L nucleosidico con un'attività citotossica dovuta all'inibizione della Dna polimerasi e sul blocco dell'allungamento della catena. In uno studio di fase I, il citotossico è stato somministrato per via endovenosa in 42 pazienti colpiti. In particolare 31 casi di leucemia mieloide acuta recidivante, 4 leucemie linfoblastiche acute, 6 sindromi ... (Continua)
    28/03/2001 
    Tutto sulle malattie infettive
    Gli agenti causali delle malattie infettive possono essere di diversa natura: Batteri, Virus, Funghi , Parassiti, Prioni. Ogni tipo ha caratteristiche peculiari, diverso modo di replicazione, diverso modo di diffusione e diverse risorse terapeutiche. Mentre per le malattie infettive batteriche in genere la terapia è ampiamente disponibile (antibiotici), non ci sono molti farmaci in grado di combattere le infezioni virali (antivirali) e per queste la vaccinazione, quando è possibile, rimane ... (Continua)
    27/11/2001 
    Leucemia: interferone prima di trapianto
    Qualora si dovessero trattare con interferone (Ifn) i pazienti colpiti da leucemia mieloide cronica, tale scelta terapeutica non dovrebbe compromettere l'efficacia di un successivo trapianto di midollo.
    La condizione presa in esame concerne il trapianto ricevuto da donatore non parente: il team del Medical College of Wisconsin (USA) rammenta come molti medici e pazienti decidano di optare per una terapia a base di Ifn riservandosi il trapianto per i pazienti che presentano un'inadeguata ... (Continua)
    26/03/2003 
    Più mortalità e tumori per chi è colpito da Sindrome di Down
    I pazienti affetti da Sindrome di Down hanno una mortalita' molto piu' alta rispetto alle persone sane. Colpa, soprattutto, di disfunzioni cerebrali e malattie cardiocircolatorie. Ma anche il rischio di cancro, e di leucemia in particolare, e' maggiore tra i pazienti affetti da questa malattia genetica. Uno studio statunitense, cui hanno partecipato anche Svezia e Danimarca, pubblicato sulla rivista 'Archives of Internal Medicine', indaga sui rischi associati alla trisomia del cromosoma 21 e ... (Continua)
    26/05/2004 
    Scoperto nuovo gene coinvolto nelle leucemie infantili
    E' stato scoperto il gene che, con le sue mutazioni, contribuisce allo sviluppo di alcune forme di leucemia nei bambini. Proprio questo gene, il PTPN11, è stato al centro di uno studio condotto dall'Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con il Centro Ricerca M. Tettamanti di Monza, e pubblicato sulla rivista "Blood". Ne dà notizia il sito internet dell'Istituto.
    "Abbiamo scoperto che mutazioni in questo gene contribuiscono alla patogenesi delle leucemie acute in età ... (Continua)
    17/12/2004 
    Contro la Scid, speranze dalla terapia genica
    Hanno dato esiti positivi nuovi test che utilizzano la terapia genica sperimentata in Gran Bretagna su quattro bambini colpiti da deficit immunitario combinato grave (SCID), una malattia ereditaria e rara. Il risultato conferma l'efficacia di questa tecnica, secondo i professori Alain Fischer e Marina Cavazzana-Calvo che hanno condotto le cure. I bambini colpiti da questa malattia sono vittime di infezioni via via sempre più gravi, sostenute da germi generalmente considerati innocui. ... (Continua)
    28/01/2005 
    Individuata la proteina responsabile della mielofibrosi
    La riattivazione di una proteina, la GATA-1, nei pazienti affetti da mielofibrosi idiopatica, una malattia delle cellule staminali le cui cause sono ancora sconosciute e che in alcuni casi evolve in leucemia, potrebbe essere un rimedio per la cura di questa malattia. E'quanto emerge da uno studio pubblicato recentemente sulla rivista Blood, reso possibile grazie a un co-finanziamento del Ministero della Salute e a un progetto di ricerca dell'Istituto Superiore di Sanità, ISS e del Centro ... (Continua)
    01/02/2005 
    Scoperto interruttore che uccide selettivamente i tumori
    Ha firme italiane la scoperta che ha portato per la prima volta alla luce il meccanismo che innesca e regola nelle cellule la morte programmata o apoptosi, aprendo cosi' la strada a quella che e' considerata ora una potenziale arma universale nella lotta alla leucemia ma anche piu' in generale a molte forme tumorali.
    La ricerca è merito di un gruppo di ricercatori che ha Angela Nebbioso, 27 anni e un contratto a termine alla Seconda Universita' di Napoli come prima autrice della ... (Continua)
    28/06/2005 
    Nuovi usi del Gleevec
    Secondo uno studio condotto dagli scienziati dell’Istituto Nazionale di allergologia e malattie infettive (NIAID), le cavie sopravvivono alla somministrazione di un farmaco sperimentale contro il tumore derivato da una dose del virus vaccinia, altrimenti letale, parente dei virus del vaiolo. La scoperta, a detta dei ricercatori, suggerisce che il Gleevec o farmaci simili potrebbero essere impiegati per la prevenzione degli effetti collaterali e dannosi della vaccinazione antivaiolosa. Il ... (Continua)
    11/11/2005 
    Staminali e leucemie
    Scoperti gli eventi iniziali della cancerogenesi in due tipi di leucemia. I passaggi chiave che avviano la catena di meccanismi molecolari che portano al tumore vedono coinvolte le staminali del cancro e le loro immediate "discendenti": le cellule progenitrici.
    Le cellule staminali sono cellule completamente indifferenziate che hanno la capacità di dividersi (cioè di riprodursi) all'infinito. Dopo alcuni passaggi di differenziamento, le cellule staminali perdono la loro capacità di ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale