• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 213

    Risultati da 11 a 20 DI 213

    12/12/2005 
    Terapia delle malattie autoimmuni (LUPUS) e staminali
    Il trapianto di cellule staminali autologhe risulta efficace nel trattamento della sindrome antifosfolipidica in pazienti con lupus eritematoso sistemico (LES) (La sindrome antifosfolipidica (APS) è caratterizzata da trombosi venose e o arteriose, aborti ricorrenti e anticorpi antifosfolipidici. Gli anticorpi antifosfolipidici (anticardiolipina, anti-beta2 GPI, lupus anticoagulans), interagendo con varie proteine della coagulazione, piastrine o con le cellule endoteliali possono contribuire ... (Continua)
    13/12/2005 
    Come evitare interazioni tra staminali e cellule killer
    Un gruppo di ricercatori del Gaslini e del Centro per Ricerche Biomediche (CEBR) dell’Università di Genova, coordinati dal Prof. Lorenzo Moretta, ha fatto un’importante scoperta sulle cellule staminali di tipo mesenchimale (MSC) e sulle loro “relazioni pericolose” con le cellule natural killer NK (“soldati” molto efficienti, che fanno parte del sistema immunitario, in grado di uccidere le cellule di tumori e leucemie).
    I ricercatori hanno dimostrato che le cellule staminali di tipo ... (Continua)
    23/06/2006 
    Glivec e lo studio Iris
    Glivec (imatinib) precedentemente indicato con la sigla di sviluppo STI571 (dove STI sta per Signal Transduction Inhibition, ossia inibizione della trasduzione del segnale), rappresenta uno straordinario progresso medico nel trattamento della LMC: la capacità di colpire "come bersaglio" una specifica proteina cellulare che si esprime solo nelle cellule leucemiche rappresenta infatti un modo per risparmiare le cellule non neoplastiche.
    Come farmaco progettato razionalmente per agire sulla ... (Continua)
    26/06/2006 

    La leucemia mieloide cronica
    La leucemia mieloide cronica (LMC) è una neoplasia maligna, causata da una alterazione acquisita della cellula staminale totipotente del midollo osseo, quella cioè dalla quale si originano tutte le altre cellule. Questa alterazione, permanente, causa una proliferazione incontrollata del midollo osseo stesso con produzione di un numero elevato di globuli bianchi. I globuli bianchi in eccesso escono dal midollo osseo e vanno a colonizzare il sangue periferico e la milza. Il termine “cronica” ... (Continua)

    02/10/2006 

    Cifoplastica
    Oggi una nuova tecnica di intervento mininvasiva, la cifoplastica con palloncino, consente di eliminare il dolore e le difficoltà motorie, recuperando quanto più possibile l’altezza originaria del corpo vertebrale fratturato.
    Un peso sollevato distrattamente, un movimento brusco, talvolta solo l’essersi chinati troppo, rifacendo il letto al mattino: tutti gesti a prima vista innocui e invece suscettibili di provocare, nei soggetti predisposti, il cedimento e il collasso del corpo ... (Continua)

    24/11/2006 

    Leucemia linfatica acuta: nuovo farmaco
    La Leucemia Linfatica Acuta è la forma più frequente nei bambini e solitamente insorge nella fascia d'età compresa fra i 3 e i 10 anni. In Italia colpisce quasi 400 bambini l'anno.
    La leucemia linfatica acuta è, però, la forma più curabile di leucemia nei bambini e, soprattutto con l'approvazione da parte dell'Emea di un nuovo farmaco, maggiori saranno le possibilità di sopravvivenza.
    L' Agenzia europea del farmaco, infatti, ha finalmente dato il consenso per la distribuzione di una ... (Continua)

    13/12/2006 
    Un anticorpo monoclonale contro la leucemia linfatica
    In base ai dati finali dello studio internazionale di fase III CAM 3071, i pazienti affetti da leucemia linfatica cronica a cellule B (B-cell chronic lymphocytic leucemia, B-CLL) potrebbero presto disporre di una più efficace opzione terapeutica da somministrare nelle fasi iniziali del decorso della loro malattia. I dati dello studio hanno dimostrato che, in pazienti affetti da B-CLL precedentemente non trattati, alemtuzumab è superiore a clorambucile come terapia di prima linea in termini di ... (Continua)
    18/01/2007 
    Trapianto di staminali
    Le cellule staminali del cordone ombelicale, conservato dopo la nascita, hanno consentito ai medici di salvare una bambina affetta da leucemia acuta linfoblastica (Lal). La notizia è data dall'edizione elettronica di “Pediatrics”, il giornale dell’Accademia americana di pediatria. E' il primo caso di trapianto autologo ematopoietico in un piccolo malato. Scontati i dibattiti etici relativi alla conservazione privata del cordone ombellicale.
    All'età di tre anni era stata ... (Continua)
    14/02/2007 
    Linfoma cutaneo a cellule T
    Il farmaco forodesina (FodosineTM), l’efficace citocida nei confronti di cellule neoplastiche di linfoma e leucemia T e B, è stato riconosciuto “farmaco orfano” per il trattamento del linfoma cutaneo a cellule T dalla Committee for Orphan Medicinal Products (COMP) dell’EMEA (European Medicines Agency). FodosineTM, già riconosciuto dall’EMEA “farmaco orfano” per la leucemia linfoblastica acuta a cellule T , in seguito all’accordo con BioChryst sarà commercializzato a breve da Mundipharma nei ... (Continua)
    05/07/2007 

    Clofarabina e leucemia linfatica acuta
    La leucemia linfatica acuta è la forma di tumore più frequente nei bambini e causa l'80% di tutti i casi di leucemia pediatrica. È una patologia che colpisce più frequentemente i bambini di età compresa tra 3 e 6 anni, indistintamente maschi e femmine. La Clofarabina è uno degli strumenti più potenti esistenti per la lotta alla leucemia linfatica acuta nel bambino ed è la prima molecola per la terapia nei casi più gravi.
    "Credo che la clofarabina si possa annoverare tra le vere novità ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale