• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 172

    Risultati da 51 a 60 DI 172

    04/09/2013 Scoperte proprietà preventive dell'alimento

    L'olio d'oliva contro l'Alzheimer
    Un nuovo studio condotto da alcuni ricercatori dell'Università di Firenze ha segnalato le proprietà preventive dell'olio di oliva nei confronti dell'eventuale insorgenza del morbo di Alzheimer. La ricerca è firmata da Massimo Stefani del dipartimento di Scienze Biomediche sperimentali e cliniche e da Fiorella Casamenti del Dipartimento Neurofarba ed è stata pubblicata su PLoS One.
    I ricercatori hanno realizzato lo studio su un gruppo di topi transgenici affetti da Alzheimer. Un primo gruppo ... (Continua)

    06/09/2013 12:33:09 Scoperto nuovo possibile bersaglio terapeutico

    Una nuova proteina spiega l'Alzheimer
    Un team di ricerca americano ha scoperto l'esistenza di una nuova proteina coinvolta nei meccanismi di innesco del morbo di Alzheimer. La ricerca, pubblicata su Neuron, è opera degli scienziati della Yale School of Medicine.
    Stando alle risultanze, i ricercatori hanno scoperto che bloccare la proteina con un farmaco già esistente comporta il ripristino della memoria nei topi affetti da danni cerebrali associabili all'Alzheimer umano.
    Uno degli autori dello studio, Stephen Strittmatter, ... (Continua)

    28/10/2013 Ma gli steroli vegetali possono prevenire la malattia

    L'indurimento delle arterie predice l'Alzheimer
    Le arterie indurite potrebbero essere il campanello d'allarme per l'insorgenza della malattia di Alzheimer negli anziani senza sintomi di demenza. Ad affermarlo è una ricerca dell'Università di Pittsburgh pubblicata su Neurology.
    Secondo gli esiti dello studio, l'indurimento delle arterie aumenterebbe le probabilità di avere placche di beta-amiloide nei vasi arteriosi cerebrali, il tipico segno che preannuncia l'arrivo dell'Alzheimer.
    Il coordinatore della ricerca Timothy Hughes, che ... (Continua)

    08/11/2013 10:27:45 La pimavanserina sembra efficace sul disturbo legato al Parkinson

    Un farmaco per la psicosi da Parkinson
    Spesso i pazienti affetti da morbo di Parkinson soffrono anche di psicosi, in particolare allucinazioni e delirio. Per contrastare questo effetto secondario della malattia potrebbe essere utilizzato un nuovo farmaco, la pimavanserina.
    A dirlo è uno studio pubblicato su The Lancet da un team del Wolfson Centre for Age-Related Diseases presso il King’s College di Londra. La pimavanserina è un medicinale non dopaminergico e potrebbe rivelarsi un trattamento sicuro ed efficace per questo tipo di ... (Continua)

    15/11/2013 Idrogeno solforato e melanocortine ne rallentano la progressione

    Due nuove sostanze per l'Alzheimer
    Dai ricercatori italiani arrivano nuove speranze per la lotta all'Alzheimer. Un team di scienziati dell'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia ha infatti studiato l'efficacia di due nuove sostanze, l'idrogeno solforato e le melanocortine, per rallentare la progressione del morbo di Alzheimer, patologia a tutt'oggi priva di una reale cura.
    Il gruppo, coordinato da Salvatore Guarini, ha pubblicato gli esiti dei propri esperimenti su due riviste di settore, Neurobiology of Learning ... (Continua)

    15/11/2013 12:23:54 Disturbi cognitivi ridotti grazie a un'assunzione migliore

    Demenza correlata a diabete, meglio singola dose di insulina
    Il rapporto intercorrente fra demenza, Alzheimer e diabete di tipo 2 è noto da tempo. Chi è malato ha maggiori possibilità di sviluppare il morbo di Alzheimer in età giovane e più probabilità che insorga la demenza vascolare rispetto alle persone che non hanno il diabete.
    Uno studio pubblicato su Diabetes Care da parte degli scienziati del Beth Israel Deaconess Medical Center ha sperimentato l'utilizzo di una singola dose di insulina intranasale allo scopo di ridurre al minimo gli eventuali ... (Continua)

    22/11/2013 Non sembrano esserci legami fra le due patologie
    Alzheimer e degenerazione maculare, nesso poco chiaro
    Più volte è stata avanzata la possibilità che vi fosse un nesso fra l'insorgenza della degenerazione maculare legata all'età (Amd) e il morbo di Alzheimer, senza che si sia mai giunti a provarne scientificamente l'esistenza reale.
    Un team di ricercatori dell'Università di Manchester guidato dall'oculista Tiarnan Keenan ha voluto cercare risposte ai dubbi sull'eventuale maggior frequenza di Alzheimer fra chi è affetto da degenerazione maculare.
    Il dott. Keenan spiega: “Amd e Alzheimer non ... (Continua)
    16/12/2013 11:54:00 L'esposizione ai perfluorurati aumenta il rischio

    Alcune pentole possono causare il diabete
    Il rischio di diabete aumenta con l'esposizione ai perfluorurati (PFC), sostanze utilizzate per la costruzione delle pentole antiaderenti. Queste sostanze servono anche per la realizzazione di altri prodotti come le schiume antincendio, i materiali idrorepellenti, la sciolina e i tessuti in GoreTex.
    È un team dell'Università svedese di Uppsala ad aver scovato il nesso. I ricercatori hanno realizzato uno studio su un gruppo di circa 1000 persone di entrambi i sessi misurandone 7 diversi tipi ... (Continua)

    23/12/2013 12:22:32 Scoperti i meccanismi e i motivi della diffusione della patologia

    L'origine dell'Alzheimer non ha più segreti
    Il morbo di Alzheimer non ha più segreti, almeno per quanto concerne le sue origini. Ad alzare il velo sui meccanismi di innesco e diffusione della malattia è uno studio condotto dai ricercatori del Columbia University Medical Center che ha illustrato l'origine, le modalità di diffusione della patologia e le ragioni per cui ciò avviene.
    La ricerca è stata pubblicata su Nature Neuroscience e condotta utilizzando una variante ad alta risoluzione della risonanza magnetica funzionale per ... (Continua)

    30/01/2014 12:24:30 Un derivato del Ddt associato a maggior rischio di insorgenza della malattia

    Il Ddt aumenta il rischio di Alzheimer
    Avere nel sangue un livello elevato di un derivato del Ddt è prefigurabile come fattore di rischio per l'insorgenza del morbo di Alzheimer. A dirlo è uno studio condotto dall'Environmental and Occupational Health Sciences Institute di Piscataway, in New Jersey, e pubblicato su Jama Neurology.
    “L’Alzheimer è la malattia neurodegenerativa più comune al mondo, e i fattori di rischio della forma a esordio dopo i 60 anni non sono del tutto chiari, pur includendo motivi ambientali e legati allo ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale