La proteina che accende la memoria

Una proteina ingegnerizzata sembra in grado di potenziarla

Un team di scienziati italiani ha modificato geneticamente una molecola normalmente attiva nel cervello e con un ruolo chiave nella memoria.
I ricercatori della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Cattolica e della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS hanno operato modifiche alla proteina LIMK1, cui è stato aggiunto un “interruttore molecolare” che la accende in risposta alla somministrazione di un farmaco, la rapamicina, alla quale si guarda già con speranza proprio perché è risultato avere diversi effetti anti-aging anche sul cervello.
È il risultato di uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Science Advances, coordinato dal professor Claudio Grassi, Ordinario di Fisiologia e Direttore del Dipartimento di Neuroscienze.
La ricerca, resa possibile da finanziamenti da parte del Ministero dell'Istruzione, della Università e della Ricerca, ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: proteina, memoria, cervello,

Notizie correlate


Demenza, evitabile quasi un caso su 2 Agire sui fattori di rischio modificabili





I demoni della prosopometamorfopsia Raro disturbo che fa vedere i volti degli altri alterati





Amebe nel cervello, attenzione ai lavaggi nasali Assolutamente da evitare l'uso dell'acqua del rubinetto





Miastenia gravis, efficace batoclimab Benefici dall'anticorpo monoclonale diretto contro le IgG





Mal di testa fortissimo, aveva una tenia nel cervello I parassiti avevano causato la formazione di cisti





La malattia del cervo zombie Centinaia gli esemplari colpiti, potrebbe minacciare anche l'uomo





La nanomedicina per le lesioni del midollo spinale Studio italiano apre la strada a nuovi trattamenti





Un test per predire demenza e infarto Scoprire le malattie in anticipo per intervenire





Una passeggiata nel verde aiuta il cervello La capacità di attenzione aumenta





Dolore cronico, il neurostimolatore che lo controlla Il pacemaker del midollo spinale monitora la risposta neurale





Gli animali domestici rallentano il declino cognitivo Aiutano gli anziani a mantenere acutezza mentale





I fattori di rischio per la demenza giovanile Studio si concentra sui fattori modificabili





Un algoritmo prevede il ritmo circadiano Fondamentale per la diagnostica di precisione





Il sistema immunitario influenza la memoria Implicazioni per le malattie neurodegenerative e del neurosviluppo





La stimolazione spinale per la neuropatia periferica Stimolazione spinale ad alta frequenza sicura, efficace e conveniente





Il ruolo del sonno nella costruzione della memoria Analisi sulle connessioni fra ippocampo e corteccia cerebrale





La stimolazione profonda per le lesioni cerebrali Migliorata la risposta ai test funzionali





La lettura digitale complica la comprensione del testo Più facile apprendere per chi si affida alla lettura tradizionale





Possibile cura per la malattia di Charcot-Marie-Tooth Identificazione di un possibile approccio terapeutico per il tipo 2A