Miocardite, un biomarcatore la scova

MiR-721 può essere utilizzato per rilevare la malattia nel sangue

Insonnia_4283.jpg

È stato scoperto un possibile biomarcatore per la miocardite. È l’omologo umano del micro Rna miR-721 e la sua presenza nel sangue può testimoniare l’insorgenza della malattia cardiaca.
A rivelarlo è uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine da un team del Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares di Madrid. Di norma, la miocardite viene diagnosticata dopo aver escluso la malattia coronarica grazie ad angiografia coronarica e tomografia computerizzata e aver ottenuto conferma con una risonanza magnetica.
Ma non tutti i centri si servono della risonanza magnetica, utilizzando al suo posto la biopsia endomiocardica, una procedura invasiva.
«La nostra scoperta ha un grande potenziale come prezioso strumento clinico per la diagnosi precisa e non invasiva della miocardite. Si tratta infatti del primo marcatore ematico convalidato con elevata sensibilità e ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | miocardite, biomarcatore, sangue,

<-- #include virtual="../4strokevideo.inc" -->

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 118306 volte